Il parto in casa è sicuro? I rischi che si possono correre

La scelta da fare al momento della nascita di un figlio sono importanti: il parto in casa è possibile, ma quali rischi si possono correre? Ci sono pro e contro

In Italia il parto in casa non è una scelta molto consueta, ma sembra appartenere più ad alcune realtà oltre confine nell’ambiente dello spettacolo e delle mamme “vip” .
In ogni caso pare che rispetto a qualche anno fa, la tendenza stia andando verso una leggera crescita anche tra le mamme dello stivale.
E’ necessario capire se farlo tra le proprie mura domestiche aiuta a sentire meno il dolore o il peso del parto, e quali possono essere le conseguenze nel caso vi siano problematiche durante la nascita senza una struttura sanitaria pronta ad intervenire.

Intanto è bene segnalare, che qualora la scelta della location per il parto sia la propria abitazione, comunicando al proprio medico la decisione nei tempi giusti, è possibile avere a disposizione tutto ciò che serve per renderlo il più possibile vicino a quello all’interno di una struttura sanitaria.
Questo è possibile perché ci sarà un team di levatrici pronto a seguire ogni fase del parto, ed è possibile farlo anche in acqua. Inoltre gli esperti sostengono che avvenendo tutto in maniera naturale, non è necessaria nemmeno l’ epidurale perché tutto si svolgerà come la natura vuole che sia.

Il principale dubbio di molte mamme, è se ci sono dei rischi a scegliere di partorire in casa piuttosto che in un ospedale attrezzato e preparato a qualsiasi evenienza.
In realtà le ostetriche che hanno molta esperienza sulle spalle, dicono che non vi è alcun motivo di preoccuparsi nello scegliere la propria abitazione per mettere alla luce il bambino, perché non vi sono rischi più elevati.
Importante è fare prima il quadro clinico della donna in gravidanza, per accertarsi che non vi siano patologie pregresse o particolari problematiche sorte durante la gravidanza.
Qualora vada tutto liscio fino alla fine, si può tranquillamente procedere con il parto in casa.

Ci sono anche dei vantaggi, il primo è che la futura madre sarà molto più rilassata nel proprio ambiente, con la comodità del proprio spazio e la privacy di cui necessita.
Poi non subirà lo stress dell’attesa per tornare a casa con il proprio figlio perché sono già lì.
Le fasi per la scelta del parto casalingo, prevedono di parlarne preventivamente con il proprio medico e con un’ostetrica per decidere insieme i tempi e come muoversi, è consigliato anche un colloquio con il personale di strutture ospedaliere.
Importante avere a disposizione:
tappetini di gomma per proteggere il pavimento, molti asciugamani ed anche lenzuola. Per quanto riguarda invece l’ambiente potrebbe essere consigliato l’utilizzo di candele e musica, e tenere intorno a vista fotografie o quadri che risultino di elevato gradimento, per aiutare il rilassamento e la tranquillità.

Immagini: Depositphotos

Il parto in casa è sicuro? I rischi che si possono correre