Davanti alla televisione

Lasciare per troppe ore consecutive i bambini davanti alla televisione nuoce, oltre che alla loro psiche e capacità relazionale, anche alla loro salute. E non è solo la vista a esserne compromessa. La struttura cerebrale dei piccoli, infatti, è costituita da duecento miliardi di neuroni che agiscono tra loro per comprendere e assorbire i fatti della vita quotidiana. Nei primi anni di vita le vie nervose si creano plasmando quella che sarà la struttura cerebrale definitiva dell’adulto; dopo i dieci anni tutte le cellule non utilizzate muoiono (i bimbi hanno quasi il doppio dei neuroni degli adulti) per non ricrearsi più. È indispensabile, quindi, che le prime esperienze di vita siano significative e vedano il bambino protagonista e non semplice spettatore. La televisione inibisce, in un certo senso, la capacità del piccolo di crearsi complessi schemi di ragionamento, non consentendogli di vivere in prima persona quanto messo personalmete in scena.

COME COMPORTARSI

  • I bimbi,soprattutto quelli molto piccoli non dovrebbero rimanere incollati davanti alla Tv per più di due ore al giorno.
  • Niente televisione, poi, prima di andare a dormire o la mattina appena svegli.
  • Mamma e papà dovrebbe selezionare i programmi da proporre ai figli discutendone con loro (se non troppo piccoli) e motivando il perché delle scelte, in modo che un’eventuale esclusione non diventi motivo di accrescimento della loro curiosità.
  • La televisione può e deve diventare un momento di crescita e confronto per il bimbo, non una baby sitter non pagata.
  • Mai utilizzare la televisione in termini di premio-castigo per non attribuirle un ruolo e un valore che, in realtà, non possiede.
  • A tutti i bambini dovrebbe, infine, essere data la possibilità di poter scegliere tra la TV e altri divertimenti (attività sportive, passeggiate, giochi con gli amici e i fratelli) mettendoli davanti alla condizione di poter dire anche di no personalmete ai cartoni animati e ai vari altri programmi di cui sono affezionati spettatori.

Per i bambini, poi, che trascorrono molte ore in casa da soli esistono dispositivi che consentono di impedire la messa in onda di programmi non adatti a loro, consentendo ai genitori di controllare, anche a distanza, quanto essi decidono di guardare.

 

Fonte:

Davanti alla televisione