Che fine ha fatto Povia

Povia è il cantante italiano famoso non soltanto per i suoi brani musicali, ma anche per le sue stravaganti uscite. Ultimamente, però, sembra essere sparito

Giuseppe Povia è l’autore di canzoni celebri, come “I bambini fanno oh”, che nella seconda metà degli anni 2000 ha conquistato i cuori degli italiani. Dopo altri successi musicali, però, il cantante sembra essere sparito dalla scena musicale. Talvolta è riapparso con delle dichiarazioni davvero assurde, come il voler combattere a tutti i costi contro il Nuovo Ordine Mondiale. In altre giornate ha postato su Facebook degli appelli per fare fronte comune dinnanzi alla dittatura del mondo. Quando è di buon umore, Povia lancia delle campagne contro l’Euro, considerato essere il male assoluto; altre volte si fa le foto su Facebook per i ritardati .

Il vincitore di Sanremo e l’autore di brani celebri di un passato nemmeno troppo remoto, è anche popolare per essersi schierato contro i gay. Difatti, Povia si è più volte espresso fortemente contrario contro le adozioni gay, contro i matrimoni omosessuali e persino contro il diritto dell’unione civile. Talvolta, in varie discussioni su social come Facebook è scaduto in insulti contro il mondo dell’omosessualità. Per questo fu odiato da alcuni e amato da altri; ma forse anche per questo è scomparso da Facebook, lasciando il suo pubblico con l’amaro in bocca.

La sua pagina sembra essere vuota e, senza contare i vari utenti che discutono del cantante scomparso, non ci sono appelli di alcun genere o spiegazioni sulle prove generali per un governo globale . L’ultimo post risale al 5 marzo dal 2015, quando Povia annunciò l’imminente uscita del disco “NuovoControdineMondiale” e il singolo dell’album “Chi comanda il Mondo”. Tuttavia, nonostante sia passato più di un anno da quella fatidica data, il disco non sembra essere uscito e il singolo lo hanno ascoltato solo pochi fortunati rimasti sempre vicino al loro idolo musicale.

Questo perché per il 2015 e per la metà del 2016 Giuseppe ha continuato fare di tutto, fuorché il suo mestiere. Nel 2015 aveva sfidato i tifosi del Napoli, insultandoli. Sempre nel 2015 aveva preso parte a varie iniziative dei partiti di destra italiana contro le unioni civili. Per non parlare della guerra iniziata contro Fedez e gli altri rapper nostrani. Durante il processo per Mafia Capitale, fu fotografato dinnanzi al tribunale di Roma. E sempre a Roma combatté contro la VolksWagen, rea del reato d’importazione, e contro la marijuana, la cui legalizzazione già allora era discussa all’interno delle aule parlamentari. Sembra, insomma, che in attesa dell’uscita del disco, il cantante meridionale si sia gettato più nella politica che nella musica. E i soldi non sembrano mancargli affatto.

Che fine ha fatto Povia