Che fine ha fatto Nadia Cassini

Nadia Cassini, showgirl e attrice della commedia erotica all'italiana degli anni 70 e 80; ripercorriamo la sua carriera artistica e i fatti che l'hanno portata ad abbandonare le scene

Nadia Cassini è considerata come una delle donne più sexy della commedia italiana negli anni 70 e 80. É stata protagonista di molti film dell’epoca, nei quali recitava nel ruolo di seduttrice insieme all’attore Lino Banfi, Renzo Montagnani e molti altri. L’attrice è nata il 2 gennaio 1949 nella città di Woodstock con il nome di Gianna Lou Muller; la madre era italiana, mentre il padre era un ballerino tedesco, Harrison Muller. Fin da piccola ha avuto la passione per la recitazione ed ha lasciato la famiglia in età giovane per dedicarsi a diversi lavori come cantante, ballerina e fotomodella.

È stata una delle protagoniste principali di film italiani della commedia erotica insieme alle colleghe Edwige Fenech, Pamela Prati, Gloria Guida e Barbara Bouchet. Il primo film in cui ebbe il ruolo da protagonista è L’insegnante balla con tutta la classe, ma quelli più famosi sono L’infermiera nella corsia dei militari, uscito nel 1979 e La dottoressa ci sta col colonnello, del 1980. Verso la fine degli anni 80, l’attrice sparisce dalle scene e non si fa più vedere dal grande pubblico; secondo molti, questa scelta fu dovuta alla rottura del contratto con la Mediaset, ma anche ad un intervento di chirurgia plastica al naso riuscito male.

In seguito a questo intervento di , l’attrice riporta ustioni di terzo grado sulla totalità del viso e i medici sono costretti ad amputarle il padiglione auricolare destro. Dopo questi tragici fatti, l’attrice cade in una<b> profonda depressione</b> e trova rifugio nell’alcool. Grazie all’aiuto dei familiari, in particolar modo della madre e della figlia, riesce a disintossicarsi, in seguito ad un periodo di permanenza in una clinica per alcolisti che si trova negli Stati Uniti. Nell’anno 2008 è stata ospite della trasmissione che va in onda su Rai 2, Ricominciare; durante l’intervista l’attrice ha dichiarato di essere stata sfruttata come donna oggetto e che l’abbandono al cinema da parte sua è dovuto a questo.</p> <p> Inoltre, nell’anno 2009 Nadia Cassini è stata vittima di uno [iol_link target="_blank" href="http://www.supereva.it/instagram-come-tenere-lontani-gli-stalker-8353"]stalker, un uomo che ha conosciuto in seguito ad un incidente d’auto. L’uomo ha mostrato nei confronti della donna un’eccessiva possessività tanto da rivolgerle attenzioni morbose e dedicarle telefonate nel cuore della notte. L’uomo l’ha picchiata selvaggiamente sul volto, tanto da procurarle un emorragia nasale. Nel 2015 si è tenuto il processo contro lo stalker, durante il quale l’attrice è apparsa ancora sotto shock.

Che fine ha fatto Nadia Cassini