Édith Piaf, una donna che visse senza rimpianti

La voce graffiante, intensa e più bella di tutta la Francia ci insegna a vivere senza rimpianti

Il 19 dicembre del 1915 nasceva l’usignolo francese, una delle più belle voci di sempre, quella di Édith Piaf. “Mentre canto lascio la terra”, diceva la donna, e lo faceva davvero, solo così ha potuto regalarci quei capolavori musicali che ancora oggi riecheggiano per le vie della Francia e di tutto il mondo.

Piccola di statura, Édith Giovanna Gassion, si è guadagnata l’appellativo di passerotto francese, piaf vuol dire proprio uccellino. Grande era invece la sua anima e maestosa la sua voce graffiante, in grado di raccontare il peso delle esperienze dolorose e quella voglia di libertà che l’ha sempre caratterizzata.

Édith nasce a Parigi, ma al contrario di tutte le sue coetanee è dovuta crescere in fretta, tra i marciapiedi frequentati dai genitori che erano artisti di strada, motivo per il quale la piccola Piaf viene affidata alle cure della nonna. Ma la vita a quei tempi con la piccola Édith non fu generosa, a 8 anni, infatti, viene colpita da cheratite, una malattia agli occhi dalla quale guarì e che la portò alla devozione di Santa Teresa.

Una storia particolare, certo, ma che non sarebbe mai venuta alla luce se la piccola Édith non avesse manifestato già da giovanissima il suo talento, proprio a 8 anni. Si dice che la piccola andava per strada, insieme a suo padre, per cantare e incantare tutti i passanti con la sua voce.

A 17 anni conobbe Louis Dupont a Romainville, il suo primo amore, con il quale ebbe una relazione breve e intensa dalla quale nacque la piccola Marcelle, ma Édith era ancora giovane e inesperta e la sua vita era ancora in strada. Così sua figlia a soli due anni morì di meningite, una grande ferita nel cuore di Édith che l’accompagnerà per tutta la vita.

Non smette di cantare però, e al contrario, si rifugia nella musica. Qualche anno dopo, all’età di vent’anni, viene scoperta da Luis Leplée, che la fa debuttare con lo pseudonimo di Édith Piaf. Dopo l’assassino di Leplée la giovane cantante si affida a Raymond Asso e, l’anno dopo, arriva il primo contratto con una casa discografica.

Poi l’arrivo della guerra: mentre la Francia è occupata dei tedeschi, Édith si ritrova costretta a cantare per l’esercito invasore. Sono gli anni in cui scrive La vie en rose, canzone che diventa l’inno della Francia distrutta dalla guerra, ma anche il brano più celebre della cantante.

Mentre la sua fama si estende, Édith conquista infatti gli Stati Uniti, diversi amori si susseguono fino all’incontro con Marcel Cerdan. L’uomo però muore tragicamente il 28 ottobre 1949 in un incidente aereo e ancora una volta, il passerotto di Francia utilizza la sua voce per gridare il dolore e le ferite dell’anima. In quegli anni, l’artrite reumatoide prima e un incidente stradale poco dopo la portano ad abusare di morfina.

La consacrazione musicale arriva nel 1960, 3 anni prima della sua morte, quando viene invitata ad esibirsi all’Olympia da Bruno Coquatrix, è lì, che con la voce carica di dolore e malinconia, Édith canta per la prima volta Non je ne regrette rien, canzone che risuona in quelli che sono gli ultimi anni della sua vita e che la rappresenta fino in fondo.

Perché lei, davvero non si è pentita di nulla e al contrario, sembra quasi abbia dovuto scontare attraverso la povertà, la morte della figlia, gli amori turbolenti e la malattia, quel dono che l’ha resa celebre e indimenticabile: la sua voce.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Édith Piaf, una donna che visse senza rimpianti