Rossetto o lip gloss? Ecco come scegliere

Addio ai dubbi amletici, ecco le differenze tra lip gloss, rossetti e lip stain


Spesso capita di iniziare a truccarsi senza sapere dove si andrà a finire. Si inizia con primer, fondotinta, blush e occhi e poi ci si ferma a chiedersi: meglio un lip gloss o un rossetto finish mat?
La scelta non è sempre così difficile, basta partire dalla propria età o da uno specchio magico che gentilmente ti sussurra gli anni che porti e poi individuare il rossetto perfetto per l’occasione giusta.

La questione dell’età è fondamentale. Le teenager possono mettersi qualsiasi cosa, in linea teorica, ma di sicuro un lip gloss è sempre perfetto sulle loro labbra, piuttosto che un rossetto coprente e pieno che potrebbe un po’ contrastare con la loro naturalezza e spontaneità. Il lip gloss può essere trasparente o leggermente colorato ed è facilissimo da applicare: l’ideale per chi sta “iniziando a fare pratica” e per chi deve ritoccare senza l’esigenza della precisione.

Le trentenni scavallano i lip gloss preferendo rossetti che definiscono bene contorni e volume soprattutto se il rossetto ha un finish brillante. Per applicarlo bisogna iniziare dal centro delle labbra e poi definire il contorno, meglio con una matita della stessa tonalità. A questa età ci si può permettere di giocare con qualsiasi prodotto e anche con i colori più vitaminici: perciò sono consigliati anche i lip stain, i rossetti-pennello che combinano la facilità e precisione di applicazione dei lip gloss alla lunga durata del rossetto.

Le over 40 e 50 dovrebbero abbandonare il finish brillante del rossetto e optare o per un lip gloss o per un lip stick finish mat. Le labbra, infatti, iniziano ad assottigliarsi e compaiono le prime micro rughe sul contorno: meglio evitare che il colore si fermi sulle questi piccoli solchi, ecco perché le opzioni escludono il rossetto fluido brillante.

Quando non usare mai un rossetto pieno e intenso? I rossetti intensi nella pigmentazione e nella tonalità sono il trend della stagione, ma indubbiamente impegnativi, perciò da scartare in “certi” momenti. Uno su tutti: il primo appuntamento con qualcuno che potrebbe trasformarsi in qualcuno di speciale: meglio andare sul sicuro con un nude e meglio ancora se lip gloss: nel caso dovessi scoprire che odia i rossetti, basta simulare un raffreddore e togliere velocemente tutto con un fazzoletto di carta. Con il rossetto questa operazione è impossibile.

Basso profilo anche per tutti gli impegni “qualificanti” della vita: un colloquio di lavoro, un esame all’Università, il primo giorno delle superiori e il funerale della bisnonna del tuo fidanzato. Meglio optare per un lip gloss o un rossetto nude leggerissimo.

Il consiglio che ti manca: qualsiasi cosa tu decida di applicare, ogni volta che ti verrà sete, usa assolutamente la cannuccia. Il tuo viso ringrazierà, ma anche il barman di turno.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Rossetto o lip gloss? Ecco come scegliere