Idee per l’addio al nubilato perfetto

Numero di invitate, location, regali: i consigli dell'esperta Alessandra Marcianò

Alessandra Marcianò

Alessandra Marcianò Wedding Planner

Il prossimo settembre si sposerà una mia cara amiche. Vorrei organizzarle un addio al nubilato ma ho qualche dubbio e spero che potrai aiutarmi. Il primo è: quante persone devo invitare? Le alternative sono: 1. Le amiche più strette e fare un weekend fuori (siamo in sei); 2. Allargare a una ventina di amiche e fare una serata. Secondo te devo chiedere il parere alla futura sposa? Io volevo farle una sorpresa… Ma se optassi per la seconda scelta tu cosa mi consiglieresti? Volevo evitare spogliarelli e trashate del genere. Grazie!

Una delle tradizioni legate al matrimonio è senza dubbio l’addio al nubilato. Si tratta di un momento di condivisione e di divertimento, che spesso però comporta stress e difficoltà organizzative. Ecco quindi alcune regole per organizzare l’addio al nubilato perfetto. Innanzitutto, spetta alla damigella d’onore o alle amiche più strette organizzarlo: i genitori o i parenti della sposa dovrebbero essere esclusi dall’organizzazione. Gli invitati saranno persone care alla sposa. Per rispondere alla tua domanda su quante persone invitare, la risposta può dartela solo la sposa. Non lei direttamente, ma tu sai di sicuro chi lei vorrebbe veramente accanto. Personalmente penso che sia sempre meglio non allargare troppo la cerchia, meglio poche ma buone. Ma se le persone che la sposa avrebbe piacere di avere accanto a lei sono tante, allora invitale tutte.

Per quanto riguarda la scelta della location, anche qui il consiglio è di pensare alla sposa, che sarà la vera protagonista della festa. Inutile organizzare una festa in discoteca, se la futura sposa detesta l’ambiente. Tutto ciò che farete deve essere divertente per lei e non per le organizzatrici.

Una volta stabilito questo, le opzioni sono davvero tante: una giornata al centro benessere, una gita fuori porta tra arte, cultura e shopping, un’ottima cena condita da divertimento e confidenze, un viaggio in una località europea, una serata a tema, un locale con musica che segua i gusti della sposa, una festa casalinga per rivivere i momenti salienti della vostra amicizia…

Nel tuo caso specifico, perché non abbinare eventualmente il week end fuori con le amiche più care (o comunque quelle che saranno d’accordo, non sempre è facile muovere tante persone) per poi fare un’ulteriore sorpresa al vostro rientro? La sposa sarà convinta che la festa sia finita e invece la sorprenderete ancora con una cena a cui si aggiungeranno le amiche che non hanno potuto partecipare al week end.

Infine, individuato il posto giusto, l’importante è seguire alcune semplici regole per non sfociare nel volgare o nel banale.

  • In primis, non offuscare mai la sposa. E’ lei la protagonista della serata.
  • Mai esagerare con l’alcool. Deve essere una serata allegra e spensierata, ma doverla passare a soccorrere qualche amica che ha alzato troppo il gomito non è piacevole per nessuno.
  • No assoluto a spogliarelli e gadget erotici o dolci con forme strane. L’idea trash che si ha dell’addio al nubilato dovrebbe essere ormai superata da almeno un ventennio, ma purtroppo non sempre è così. Molto meglio trasformare la serata in un momento di condivisione, confidenze e momenti speciali tra amiche piuttosto che giocare su vecchi clichè di una sposa circondata da oggetti erotici.
  • No assoluto quindi anche a mettere la sposa in situazioni ridicole o imbarazzanti. E’ giusto scherzare un po’ con lei, ma sempre facendo attenzione a non esagerare.
  • No alla condivisione di foto imbarazzanti sui social: presi dal momento e dal tasso alcolico possiamo trovare divertenti certe situazioni capaci di rovinare la reputazione delle persone coinvolte.
  • Sì al relax, a situazioni divertenti, a lasciarsi andare. Ma sempre senza esagerare.
  • Sì ai regali per la festeggiata: biancheria intima, oggetti utili alla sua “nuova vita”,  legati ai suoi hobbies o legati al vostro passato insieme. Dubito che invece possa trovare utili i soliti gadget erotici, visti e rivisti. Piuttosto, se proprio non potete farne a meno, optate per la visita ai cosiddetti “Showroom del piacere”, nuovi luoghi eleganti dedicati ad un erotismo sexy e mai volgare.

Spero di esserti stata utile. A presto!

Alessandra Marcianò Wedding Planner Wedding Planner per il gruppo “SposiAmo Wedding Planners” dal 2008, è co-titolare insieme a Manila Sorvillo, per le sedi di Sanremo e Pavia. Consulente per ogni fase organizzativa, logistica e di immagine in matrimoni e feste private su tutto il territorio nazionale ed estero. https://www.facebook.com/profile.php?id=100009903211883&fref=ts

Idee per l’addio al nubilato perfetto