Dayane Mello, bullismo a La Fazenda: perché è il momento di dire basta

Dopo le molestie, Dayane Mello è stata vittima anche di alcuni gesti di bullismo a "La Fazenda": sarebbe giunto il momento di mettere fine a questa situazione

Dayane Mello è di nuovo protagonista di un episodio davvero increscioso, ancora una volta a La Fazenda: il reality show brasiliano si è rivelato ricco di insidie per lei, e solo in minima parte per “colpa” delle sue fragilità. Forse adesso è giunto il momento di dire basta, di mettere fine ad una situazione che non fa bene a Dayane e che non rappresenta certo uno spettacolo edificante per tutti noi.

Dayane Mello, bullismo a La Fazenda

Doveva essere una bella esperienza, dopo la lunga avventura nella casa del Grande Fratello Vip dove erano emerse le sue debolezze – e dove aveva vissuto l’incredibile dolore per la tragica perdita di suo fratello Lucas. Ma per Dayane Mello non c’è stata davvero tregua: concorrente de La Fazenda, ha dovuto affrontare momenti molto difficili. Già diverse settimane fa si era a lungo parlato degli abusi che aveva subito da parte di Nego Do Borel, che aveva tentato in tutti i modi di approcciarla sino ad arrivare a comportamenti che si configuravano come molestie vere e proprie. Il cantante era poi stato squalificato dal reality show, e in Italia l’accaduto aveva avuto enorme risonanza.

A seguito di quanto successo, la modella brasiliana aveva manifestato una grande fragilità, tuttavia aveva deciso di rimanere in gioco. E adesso arriva un nuovo colpo, una vera crudeltà nei suoi confronti: nelle scorse ore è stata vittima di bullismo da parte di altri concorrenti de La Fazenda, che si sono presi gioco di lei per i suoi denti, facendole il verso e imitando un cavallo (o forse un asino). Un siparietto di una tristezza disarmante, a maggior ragione visto ciò che Dayane ha dovuto affrontare nelle settimane scorse, nella stessa cornice del reality.

Dayane Mello, è ora di dire basta

La denuncia è arrivata, immediata, da parte dello staff della modella. Con un lungo messaggio su Instagram, le persone che stanno gestendo attualmente i suoi profili social hanno lanciato un appello: “Il bullismo è un fenomeno sociale in contrasto con le norme e i valori della società, e Dayane ha iniziato a rendersi conto di questi atteggiamenti. Il bullismo non è un gioco, non è intrattenimento. Il bullismo è un crimine che provoca danni psicologici, fisici, morali ed emotivi”. Tuttavia, proprio come accaduto a seguito delle molestie, lo staff non ha fatto altro che schierarsi a difesa della Mello, senza prendere ulteriori provvedimenti.

Non è forse giunto il momento di mettere la parola fine a questa esperienza disastrosa? Serve un gesto forte che possa finalmente permettere a Dayane di recuperare la propria dignità, e probabilmente ciò potrà avvenire solo lontano dalle telecamere, senza che sia nuovamente gettata in pasto al pubblico per motivi di audience. Non importa quanto alta sia la penale per lasciare il gioco, a questo punto è il caso di fare un passo indietro e non lasciare ancora la Mello in balia degli eventi. Le sue debolezze non possono assolutamente diventare il caprio espiatorio di atti terribili come quelli di cui è stata vittima, e se lei da sola non riesce a reagire, dovrebbe farlo qualcuno dall’esterno, per proteggerla in questo momento di difficoltà. Le parole e gli appelli su Instagram non bastano più.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dayane Mello, bullismo a La Fazenda: perché è il momento di dire bas...