Pietro Taricone moriva 11 anni fa, Kasia Smutniak lo ricorda con la sua Onlus

Kasia Smutniak ricorda Pietro Taricone a 11 anni dalla scomparsa. Una dedica speciale in memoria dell'uomo che ha amato

Undici anni fa ci lasciava Pietro Taricone, “o guerriero” come lo avevano soprannominato nella primissima e storica edizione del Grande Fratello. A ricordarlo è l’attrice Kasia Smutniak, sua compagna e mamma della piccola Sophie, frutto del loro grande amore.

Kasia è una donna sempre molto discreta e anche in quest’occasione ha voluto mantenere un profilo basso. Nessun post, ma solo una semplice stories su Instagram in cui invita i follower a fare una donazione per la Pietro Taricone Onlus, l’associazione no-profit che ha fondato nel dicembre 2011 insieme ad alcuni amici in memoria del compianto Pietro.

Il primo e importante progetto della Onlus è stata la costruzione di una scuola nella regione settentrionale del Mustang, nel villaggio di Ghami in Nepal. Un posto non casuale, ma legato a un ricordo speciale: “Quasi vent’anni fa io sono andata là con Pietro – aveva raccontato in un’intervista a Freeda -. Volevamo fare un trekking e ci siamo persi. Abbiamo perso la cognizione del tempo e siamo rimasti là un mese.(…) Sulla strada del ritorno parlavamo tantissimo di fare qualcosa per quelle persone.(…) È in assoluto uno dei sogni che sono riuscita a realizzare”.

La morte di Pietro Taricone è stata un duro colpo per l’attrice, che a lungo non è riuscita a superare il dolore di questa grande perdita. Lei e il compagno erano inseparabili, legati da un amore profondo ma anche dal comune desiderio di fare del bene per chi non possiede nulla, proteggere la cultura di un popolo ma soprattutto dare ai più giovani la speranza di un futuro migliore, restando al passo con il resto del mondo.

Kasia Smutniak e Pietro Taricone

Pietro Taricone non era solo il “palestrato” del Grande Fratello, ma un uomo dal cuore d’oro. Non è un caso che sia diventato famoso in brevissimo tempo, oltre che per il flirt nella Casa con la vincitrice Cristina Plevani soprattutto per la sua ironia e la sua intelligenza. Pietro non aveva alcun timore di dire ciò che pensava e la sua sincerità lo ha ripagato sin da subito con l’affetto del pubblico.

Kasia Smutniak lo aveva conosciuto sul set del film Radio West e da allora non si erano più separati, al punto che dal loro amore nel 2004 era nata la piccola Sophie, che oggi ha 15 anni e somiglia incredibilmente al papà. L’attrice, dopo un lungo periodo difficile, è riuscita a ritrovare la serenità al fianco del produttore Domenico Procacci con il quale si è sposata e ha avuto un altro figlio, Leone.

La scomparsa di Pietro Taricone quella mattina del 29 giugno 2010 è stata come un fulmine a ciel sereno. Allora Sophie aveva soltanto 5 anni e nessuno si sarebbe mai aspettato di ricevere una notizia simile. Pietro stava praticando paracadutismo, una delle grandi passioni che condivideva con la compagna Kasia, ma un errore di calcolo nella manovra di atterraggio gli è costato la vita.

Nel decimo anno della scomparsa Kasia Smutniak aveva rilasciato una toccante intervista a Vanity Fair. Le sue parole riecheggiano ancora oggi: “Abbiamo fatto di tutto, ci siamo detti tutto. Avevamo litigato, ci eravamo lasciati, poi siamo tornati insieme. È stato proprio il paracadutismo a farci ritrovare. Noi ci siamo ritrovati, eravamo felici. Non potevamo darci più di così.(…) Non lo so come vivrò, ma almeno non ho rimpianti. Io so che in quel momento lui era felice…Prima di saltare mi ha mandato un bacio, facendo la faccia buffa, hanno riso tutti. Poi si è lanciato. Non si è reso conto di niente, è morto col sorriso in faccia. Io ero accanto a lui.(…) Se potessi scegliere un modo di morire, vorrei anch’io morire così: nel momento più felice della vita”.

Kasia Smutniak Pietro Taricone Onlus

Kasia Smutniak ricorda Pietro Taricone su Instagram promuovendo la onlus in sua memoria

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pietro Taricone moriva 11 anni fa, Kasia Smutniak lo ricorda con la su...