Sinner, amore finito per colpa dei social. O è solo paura di impegnarsi?

Jannik Sinner, il Barone Rosso del tennis, ha lasciato la fidanzata Maria Braccini per colpa di una dedica social. Ma forse c'è dell'altro

L’amore può essere travolgente, appassionante e dolce. Ha mille, meravigliose sfaccettature ma spesso, per quanto forte possa essere, non è abbastanza. Entrano in gioco dinamiche e riflessioni che possono spegnerlo come un soffio su una candela e forse è stato proprio questo a determinare la rottura tra il campione di tennis Jannik Sinner e la sua dolce metà, l’influencer Maria Braccini. Ma forse in questo caso c’è dell’altro.

Il post della discordia

Andiamo per ordine. Il Corriere della Sera ha condiviso una notizia che ha fatto in breve il giro del web e che – dobbiamo ammetterlo – ha lasciato tutte di sasso. Pare che il campione Jannik Sinner, reduce dalla vittoria al torneo Atp 250 portata a casa lo scorso 16 novembre, abbia deciso di mollare seduta stante la fidanzata Maria Braccini per colpa di un post.

Sì, avete capito bene. Lo sportivo altoatesino non avrebbe gradito quanto condiviso sui social dall’influencer in occasione del loro primo anniversario, ricorrenza che chiunque (almeno in teoria) riterrebbe importante, specialmente quando la relazione procede a gonfie vele. Eppure è bastato un gesto del genere per far fare retromarcia a Sinner. Maria Braccini, bellissima e seguitissima sui social, aveva pubblicato una foto di coppia con la didascalia “Un anno insieme Jannik”, la prima in effetti da quando stanno insieme.

L’anniversario (e relativo post) ha coinciso con la sua partecipazione alle gare dell’Atp 250. Un impegno gravoso e importante sicuramente, soprattutto per un campione come lui che a soli vent’anni è all’apice della sua carriera. Ed è proprio questo il punto: Jannik, giovane sportivo di belle speranze, vuole pensare solo al tennis. E ha interpretato il gesto della (ormai ex) fidanzata, seppur romantico, come un’inutile distrazione e un’entrata “a gamba tesa” nella sua privacy.

Un “impegno” troppo grande

Sinner è per il profilo bassissimo, l’impegno nel tennis più dei selfie è la specialità della casa, della fidanzata gli è piaciuto tutto finché la relazione, la prima seria della sua vita, non è diventata un impegno troppo importante, gravoso, da grandi. Jannik ha vent’anni, e da teenager gli piace vivere”, così scrive il Corriere.

Lungi da noi crocifiggere il giovane Jannik, che in fondo ha solo vent’anni e tutta la vita davanti ed è comprensibile che voglia dedicarsi alla sua carriera in costante ascesa. E lungi dal criticare la sua voglia di riservatezza, del tutto sacrosanta e che ha tutto il diritto di invocare. Ma il suo comportamento lascia spazio a varie riflessioni, prima fra tutte se una relazione possa davvero finire soltanto per colpa di una foto condivisa sui social (tra l’altro un bel gesto d’amore).

Il campione di tennis è in quella fase della vita in cui senti di avere il mondo ai tuoi piedi e vuoi goderti la sensazione, un giramondo che si dedica anima e corpo alla sua professione. Dal canto suo Maria Braccini non ha preso proprio bene la cosa, al punto da chiudere il suo profilo Instagram, proprio lei che è una acclamatissima influencer da più di 73mila follower.

Sinner sapeva bene che la fidanzata è attiva sui social e poteva aspettarsi che avrebbe celebrato la ricorrenza con i suoi follower. Anche questo è da mettere in conto. Ma probabilmente la questione è molto più semplice, al di là di tutte le possibili congetture e riflessioni. Come accade a molti uomini (soprattutto i più giovani), Jannik avrà avuto una paura matta di impegnarsi. Perché a quel punto, quando la cosa si fa seria, devi mettere da parte i capricci da “teenager” e fare un passo in avanti, diventando adulto. E forse per il Barone Rosso del tennis è troppo presto per affrontare un passo del genere.

Jannik Sinner

Jannik Sinner, il Barone Rosso del tennis

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Sinner, amore finito per colpa dei social. O è solo paura di impegnar...