Mae Muller, chi è la cantante inglese all’Eurovision 2023 che tanto piace a Re Carlo

In gara con il brano "I wrote a song", Mae Muller partecipa a Eurovision ed è una delle preferite del nuovo Sovrano britannico

Foto di Martina Dessì

Martina Dessì

Web Content Editor

Content editor di tv, musica e spettacolo. Appassionata di televisione da sempre, designer di gioielli a tempo perso: ama i particolari, le storie e tutto quello che brilla.

Il brano che Mae Muller porta a Eurovision 2023 s’intitola I wrote a song e promette già di essere il preferito da Re Carlo. I nuovi Sovrani hanno infatti incontrato gli artisti al momento della presentazione della manifestazione e sembra proprio che – con la rappresentante del Regno Unito – si sia instaurata una certa sintonia. Nella sua carriera, che inizia da quando è davvero giovanissima, c’è però molto di più. Scopriamolo insieme.

Chi è Mae Muller, la cantante di I wrote a song a Eurovision 2023

La carriera di Mae Muller, rappresentante inglese a Eurovision, inizia prestissimo. Nata a Londra il 26 agosto 1997, scrive la sua prima canzone a 8 anni e da quel momento non si è più fermata. Ha infatti pubblicato due EP, ha partecipato al tour internazionale delle Little Mix, nel 2019, mentre il suo grande successo si deve alla canzone Better Days, del 2021, che ha inciso in collaborazione con Neiked e Polo G. Nel 2022 ha invece ricevuto la nomination per gli MTV Ema e per i VMA Awards. Alla partecipazione alla manifestazione continentale segue anche l’uscita del suo primo album. Tanti i successi già messi a segno, tra questi: I Don’t Want Your Money, Leave It Out, Pull Up, Anticlimax, Dick e So Annoying.

L’artista inglese è anche autrice di testi per alcuni dei più grandi artisti mondiali. Non è quindi solo una mera interprete ma una cantautrice di raro talento. Ha infatti scritto per Kylie Minogue, David Guetta e Lewis Thompson, brano per il quale ha ricevuto una prestigiosa nomination ai BRIT Awards. Il brano che porta a Eurovision, I wrote a song, è co-scritto con Lewis Thompson e Karen Poole, mentre sulla gara ha raccontato: “Ovviamente vogliamo tutti fare bene, e abbiamo tutti lavorato molto duramente, ma in un certo senso dimentico che è una competizione quando sono con tutti, perché tutti ci supportiamo a vicenda”.

Mae Muller a Eurovision Song Contest
Fonte: IPA
Mae Muller durante le prove a Eurovision Song Contest

L’artista ha già avuto modo di incontrare i nuovi Sovrani inglesi, Carlo e Camilla, che hanno incontrato l’artista presente alla manifestazione dopo aver ufficialmente illuminato il palco di Eurovision accompagnati dal brano Michael Nekrasov, compositore ucraino consulente musicale della kermesse continentale. Entrambi hanno assicurato di voler seguire la gara con grande interesse e l’hanno incoraggiata a fare del suo meglio, per dare lustro alla sua Nazione a una sola settimana dall’Incoronazione all’Abbazia di Westminster. Il Re e la Regina sono stati anche raggiunti da Tim Davie, direttore generale della BBC, a cui si sono uniti staff, il team creativo e gli apprendisti.

Mae Muller a Eurovision con Carlo e Camilla
Fonte: IPA
Mae Muller incontra Re Carlo e la Regina Camilla

Il look di Mae Muller a Eurovision Song Contest

La scelta dell’abito per sfilare sul turquoise carpet non era che un’anticipazione. Mae Muller aveva infatti scelto una mise super stretch con un tessuto fasciante che ha messo in evidenza la sua figura morbida. Il look delle prove ha poi confermato la sua passione per i tessuti aderenti. Il corpetto con stecche che ha indossato sul palco della Liverpool Arena l’ha valorizzata in maniera meravigliosa: il total black è di certo la scelta giusta.

Mae Muller sul turquoise carpet
Fonte: IPA
Mae Muller in celeste sul turquoise carpet di Eurovision

Per l’opening della manifestazione aveva invece scelto di indossare qualcosa di più vivace, come hanno fatto moltissimi dei suoi colleghi, preferendo il pastello a un più anonimo nero destinato invece alle prove e alla gara, che affronta il 13 maggio insieme agli altri Big 5, e al nostro Marco Mengoni, puntando alla vittoria che era invece sfuggita all’amatissimo (anche dalla Regina Elisabetta) Sam Ryder.