Passeggiate nel verde, per sfidare i chili di troppo e combattere lo stress

Passeggiare nel verde fa bene alla salute: non aiuta solo a dimagrire, ma anche a combattere lo stress e la tensione

Foto di Federico Mereta

Federico Mereta

Giornalista Scientifico

Laureato in medicina e Chirurgia ha da subito abbracciato la sfida della divulgazione scientifica: raccontare la scienza e la salute è la sua passione. Ha collaborato e ancora scrive per diverse testate, on e offline.

Si dice che spesso che, a parte le componenti genetiche, sono le nostre abitudini a contribuire a determinare il nostro benessere. Ed allora, come è ovvio, il richiamo è alla sana alimentazione ed all’attività fisica regolare, da praticare in base alle proprie condizioni per non esagerare con gli sforzi. A volte ci dimentichiamo di quanto questo sia importante e quanto passeggiare nei parchi urbani possa aiutarci a proteggerci. Ora una ricerca condotta da esperti dell’Università di Toronto dimostra nero su bianco che chi ha l’opportunità di vivere vicino ad uno spazio verde e comunque in prossimità di aree che permettano di correre e passeggiare tra alberi e piante avrebbe un rischio minore di diventare obeso e di sviluppare il diabete. Lo studio è apparso su Endocrine Reviews.

Così l’ambiente ci aiuta o ci mette a rischio

La ricerca, in realtà, prende in esame una serie di analisi che hanno considerato cosa accade alle persone nel rapporto con l’ambiente, anche per definire quella che dovrebbe essere la struttura delle città, con un forte richiamo al verde. L’ipotesi è che quanto più l’ambiente è accogliente, anche tra le case, tanto maggiore è la tendenza a muoversi a piedi o magari in bicicletta, trovandosi quindi a fare uno sforzo fisico quasi senza alcun obbligo di calzare scarpe e tuta per ritrovarsi in palestra.

Insomma: il luogo in cui abitiamo può diventare davvero la nostra palestra, se non si esagera con il traffico ed è comunque piacevole rilassarsi passeggiando o correndo per andare a fare la spesa, al lavoro o a scuola. A sostegno di questa tesi gli esperti nordamericani hanno esaminato alcune ricerche molto chiare: ad esempio, valutando oltre 30.000 persone, si è visto che quando ci sono ampie aree riservate ai pedoni con marciapiedi larghi e opportunità di passeggiare la percentuale di obesità tra gli adulti risulta del 10% inferiore rispetto a quella osservata nelle zone in cui muoversi a piedi diventa una gimcana nel traffico. Non solo.

Su oltre un milione di persone si è visto, si legge sempre nell’articolo scientifico, che dopo otto anni di monitoraggio la presenza della condizione di pre-diabete (con la glicemia pericolosamente vicina a livelli patologici) era maggiore di un quinto nelle zone con meno possibilità di passeggiate e corsette all’aperto. Tra gli elementi che possono ovviamente influire sulle opportunità di muoverci liberamente, facendo diventare lo jogging o anche il semplice cammino a passo svelto una sana abitudine, ci sarebbero anche altri due elementi esterni solo apparentemente non collegati. Il primo è il tasso d’inquinamento nell’area in cui si vive, il secondo la presenza di numerosi luoghi in cui si consumano alimenti non propriamente sani, ad elevato contenuto calorico e di grassi.

Strategia anti-stress efficace

La soluzione “green” per le nostre giornate, a tutte le età, è quindi a portata di mano. Ricordiamoci di muoverci e, se possibile facciamo attività fisica nelle aree con elevata concentrazione di pedoni, piante e verde. Pare proprio che questa semplice scelta, viste le tensioni che stiamo vivendo, possa essere d’aiuto non solo sul fronte del fisico ma anche sulla psiche. Basta ricordare in questo senso una ricerca dell’Università di Tsukuba apparsa su Public Health in Practice. Lo studio ha preso in considerazione diversi parametri psicologici, dal significato che si attribuisce alla vita fino alla capacità di riconoscere e gestire lo stress, poi ha analizzato le risposte di più di 6000 lavoratori in Giappone.

Il risultato è che per aumentare queste risposte positive nei confronti della tensione emotiva indotta dall’attività professionale la passeggiata nel verde appare di grande utilità, visto che chi aveva questa abitudine regolare tendeva ad avere punteggi migliori per i parametri considerati. Infatti chi camminava almeno una volta a settimana negli spazi verdi, sempre più importanti nelle aree metropolitane, ha visto migliorare la situazione. Insomma: torniamo verso la natura, appena possibile, anche per migliorare il nostro stato psicologico e non solo il fisico. Passeggiare in un parco, sulle pendici di un monte o più semplicemente in una zona verde, lontana dalle auto e dai rumori, può rivelarsi un vero toccasana per la psiche e per la lotta allo stress.