Non credere a chi, guardandoti piangere, ti dice che non sei forte

Perché piangere ci rende libere e forti. Ci permette di lasciare andare le cose, il dolore e la paura, insieme alle lacrime

Non dobbiamo vergognarci delle nostre lacrime, non dobbiamo credere a chi ci dice che piangere non è altro che un segno di debolezza. Non è così. In realtà ci vuole tanto coraggio a lasciarsi andare, per ammettere un dolore o un fallimento, per affrontare la tristezza, per lasciare che le cose scivolino via, proprio insieme alle lacrime.

Nasciamo piangendo. E quello è il primo segnale che le lacrime appartengono alla nostra vitalità. Si tratta di un modo per comunicare uno stato d’animo, un dolore o una paura. E tutti abbiamo paura. Anche quando crescendo impariamo che la razionalità è, e deve essere, il nostro punto di forza, anche quando tentiamo di controllare le emozioni e ci promettiamo che quelle lacrime non scenderanno più.

Eppure piangere è lo strumento più bello che abbiamo per dare sfogo alle emozioni, per farle uscire dal petto, sia che si tratti di sentimenti positivi che negativi. Privarcene è una vera e propria violenza che commettiamo ai danni di noi stesse.

Perché sono le lacrime a consentirci di crescere e evolverci, a renderci forti, ogni volta un po’ di più. Sono loro che ci permettono di affrontare il dolore, fisico e psicologico, per poi lasciarlo andare. È un modo per liberare il nostro stato d’animo dal disordine, dalle preoccupazioni e dagli affanni. E questo non ci rende deboli, al contrario.

Ci rende donne forti e consapevoli di quello che stiamo provando, della nostra emotività. Non è vero che se piangiamo vuol dire che non siamo in grado di sopportare il dolore o di affrontare la realtà, al contrario, stiamo imparando a farlo.

Il pianto è terapeutico, è liberatorio, è uno strumento di guarigione. E lo stesso fatto che sappiamo padroneggiarlo, senza vergogna o paura, indica una grande forza d’animo. E se gli altri non capiscono, se gli altri giudicano, non importa. Lasciamo fluire le nostre lacrime per lasciare andare i tormenti, per liberarcene.

Solo così potremmo crescere e rafforzarci, prendere coscienza dei nostri sentimenti e delle nostre emozioni più recondite, imparare dalle nostre esperienze. Perché le lacrime ci rendono libere e forti. E perché dopo un pianto, torna sempre il sorriso.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Non credere a chi, guardandoti piangere, ti dice che non sei forte