Perché siamo state tutte dei “numeri primi”

E forse è vero che siamo dei numeri primi, ma è vero anche che abbiamo sempre una via di fuga dalla solitudine. Se scegliamo di percorrerla

Sono passati diversi anni dall'uscita di quel romanzo che ci ha tenute col fiato sospeso, piene di dubbi sulla nostra vita e sui sentimenti, invase di domande alle quali non sapevamo fornire una risposta. Sì perché quel libro di Paolo Giordano, al di là della sua storia, ci ha fatto fare i conti con due delle condizioni che ci ritroviamo a vivere, inevitabilmente, nel corso della vita: l'infelicità e la solitudine. E sono proprio queste due che, quando si incontrano, a non far altro che alimentarsi a vicenda.

Registrati a DiLei per continuare a leggere questo contenuto

Bastano pochi click (ed è totalmente gratuito)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Perché siamo state tutte dei “numeri primi”