È l’amore a rendere i cani così speciali

La scienza prova a spiegare, ancora, cosa rende così speciali i nostri cuccioli a quattro zampe. Ma il nostro cuore già lo sa

C’è qualcosa di inspiegabilmente magico, e a tratti incomprensibile, che ci lega ai nostri cani. Basta uno sguardo, una carezza su quel manto peloso e quella coda scodinzolante per cadere in quell’incantesimo occulto che ci legherà, da qui a sempre, ai nostri cuccioli a quattro zampe.

Ma come fa, un animale, a scatenare in noi così tanto sentimento? Come può la presenza di una creatura a quattro zampe stravolgere completamente la nostra esistenza e riempirla fino a farla straripare d’amore? A provare a rispondere a questa domanda ci pensa la scienza e più precisamente uno studio condotto e pubblicato da Clive Wynne, il fondatore del Canine Science Collaboratory presso l’Arizona State University.

Per comprendere questo legame così speciale tra uomo e cane, bisogna andare a ritroso nel tempo; solo così possiamo forse spiegare l’esistenza del rapporto più forte e significativo della storia e della società. Nel libro Dog is Love: Why and How Your Dog Loves You, lo psicologo Wynne raccoglie tutta una serie di dati e analisi ottenuti con oltre un ventennio di studi.

Quello che ne esce fuori, dalla lettura di questo interessante libro, è che quello che più ci fa innamorare dei nostri amici a quattro zampe è la loro estrema socievolezza che sfocia in maniera quasi disarmante nei confronti degli esseri umani. Quello che conta di più, per queste creature, è la presenza umana, anche più del cibo: i cani si danno completamente ai loro padroni umani, senza chiedere in cambio poi così tanto, a parte qualche lode, un paio di carezze e uno snack delizioso.

Chiunque abbia provato a spiegare in maniera scientifica quel legame così speciale e indissolubile che c’è tra essere umano e cane, è finito a parlare di ossitocina, quella sostanza chimica presente nel cervello che rafforza i legami emotivi tra le persone. Uno di questi studi, condotto da Takefumi Kikusui presso l’Università giapponese di Azabu, ha dimostrato come basta un semplice sguardo tra le parti per aumentare notevolmente i livelli di questo ormone.

Anche le risonanze magnetiche fatte sul cervello dei cani, dimostrano come questo si attivi alla presenza di una lode o una carezza, molto più di quanto succede con la somministrazione di un delizioso dolcetto. Ancora Clive Wynne approfondisce questo aspetto mettendo al centro prima di tutto l’amore, prima che le necessità di sopravvivenza.

Quindi, per tirare le somme, sembra che quello che ci conquista dei nostri animali domestici è proprio quel carattere così generoso e altruista accompagnato da quel bisogno istintivo di essere amati.

Ma abbiamo davvero bisogno di ricerche e test scientifici per raccontare e raccontarci quello che ci lega ai nostri migliori amici? Perché al di là di qualsiasi prova scientifica, l’unica verità che sperimentiamo giorno dopo giorno sulla nostra pelle è che loro sanno insegnarci l’amore, quello autentico e incondizionato, come nessun altro sa fare.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

È l’amore a rendere i cani così speciali