Quando è giusto togliere il pannolino?

Togliere il pannolino è un importante passo verso l'indipendenza del nostro bambino

Barbara Franco mamma e ideatrice del progetto Quid+

Si tratta di una delle prime grandi sfide che i bambini si trovano ad affrontare.

Ma quando possiamo iniziare insieme questo percorso?

Se facessimo un rapido sondaggio tra amici e conoscenti, è probabile che la risposta più comune sia tra i 2 anni e prima dell’inizio della scuola dell’infanzia, ovvero verso i 3 anni.

Questo perché solitamente il pediatra consiglia di togliere il pannolino a partire dai 18-24 mesi di età, e a volte anche dopo i 2 anni. La pratica comune è, quindi, di attendere che il bambino abbia raggiunto una sua maturazione neurologica, e una serie di competenze che consistono in:

  1. saper camminare per raggiungere il bagno ed essere in grado di sedersi in modo sicuro (capacità motoria);
  2. saper comunicare a parole il proprio bisogno (capacità linguistica);
  3. saper riconoscere la differenza tra asciutto e bagnato, sporco e pulito (capacità cognitiva).

Tutte queste abilità maturano non prima dei 18-24 mesi.

Spesso, però, siamo noi genitori a posticipare l’eliminazione del pannolino, perché pensiamo sia più efficace e comodo iniziare l’educazione al vasino più tardi, anche se diversi studi hanno evidenziato che andando troppo in avanti aumentano i rischi di stipsi, enuresi e rifiuto del vasino.

Sottovalutiamo però, che i bambini sono in grado di comunicare, anche in età molto precoce, fin dai primi mesi di vita, il bisogno di fare la cacca o la pipì, attraverso dei precisi segnali premonitori che noi genitori possiamo essere in grado di riconoscere.

Ovviamente, se molto piccoli, non si tratta di un linguaggio verbale codificato, ma di segnali che comunicano tramite il corpo, il viso, la gestualità, il pianto e che noi adulti interpretiamo grazie al profondo legame che abbiamo con loro.

Una buona ed efficace educazione al vasino, quindi,  è anche il risultato di una comunicazione empatica, della capacità di leggere i messaggi che i nostri bambini ci danno quando li teniamo stretti in braccio, attaccati a noi, e ne percepiamo il calore e il respiro.

Come ci spiega il Dottor Simone Rugolotto, primario di pediatria, neonatologo e genetista, impegnato da oltre venti anni nella ricerca scientifica e negli studi sull’educazione al vasino: “In base all’età e alle modalità possiamo individuare due fasi distinte: una prima, chiamata educazione assistita al vasino può iniziare fin dai primi mesi di vita fino ai 18 mesi; l’altra, chiamata educazione indipendente al vasino può iniziare a partire dai 18 mesi in avanti”.

Quindi possiamo affermare che non è mai troppo presto per togliere il pannolino!

  • Nell’educazione assistita al vasino, il piccolo non è autonomo, e ha bisogno di assistenza da parte del genitore per riuscire a fare i suoi bisogni. Questo metodo è caratterizzato da un alto accudimento e contatto da parte del genitore.
  • Nell’educazione indipendente al vasino: invece il piccolo ha già una buona autonomia e consapevolezza, che gli permette di essere pronto per fare i suoi bisogni in modo indipendente. Questo ovviamente non esclude l’accompagnamento e la supervisione dell’adulto.

È proprio a partire dalla collaborazione con il Dott. Rugolotto che la collana QUID+ edita da Gribaudo, gruppo Feltrinelli, si è arricchita di due nuovi libri illustrati Bimba saluta pannolino e Bimbo saluta pannolino, per accompagnare genitori e figli in questo delicato passaggio, a qualsiasi età si scelga di iniziarlo.

Come tutte le prime sfide, è un percorso che va fatto con gradualità, con il rispetto dei tempi del nostro piccolo, senza forzature.

Tutti i traguardi importanti comportano un po’ di fatica, che sarà però ampiamente ripagata quando vedremo il nostro bimbo fare la cacca o la pipì comodamente seduto sul suo vasino o sul riduttore del nostro water!

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Quando è giusto togliere il pannolino?