Addio a nonna Angela, 112 anni. Due guerre, tante passioni e un paio di segreti

Angela Tiraboschi si è spenta nel sonno, a poche settimane dal suo compleanno: è stata la donna più longeva d'Italia

Bergamo ha detto addio al suo pilastro, una dolcissima nonnina che ha raggiunto la veneranda età di 112 anni, diventando a pieno titolo la donna più longeva d’Italia: Angela Tiraboschi se n’è andata in silenzio, dopo una vita intensa e ricca di momenti difficili, a volte addirittura drammatici, ma anche di istanti di pura felicità. La sua è una storia toccante, che ripercorre il ‘900 e le tappe più (tragicamente) importanti del nostro Paese.

Chi era Angela Tiraboschi, la più longeva d’Italia

Nata il 19 aprile 1910 a Oltre il Colle, piccolo paesino in provincia di Bergamo, nonna Angela è diventata un vero simbolo per il nostro Paese. Solo qualche settimana fa aveva compiuto 112 anni, un traguardo a dir poco incredibile: in quell’occasione, anche il Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana aveva voluto farle gli auguri, un omaggio dolcissimo su Twitter. Ed è ancora una volta lui a ricordarla, poche ore dopo la notizia della sua scomparsa. “Si è spenta nel sonno Angela Tiraboschi, la donna più longeva d’Italia. Riposa in pace dopo questa lunga lunga vita in cui tutta la comunità ti ha voluta bene” – ha scritto Fontana.

Nel suo cammino, nonna Angela ha attraversato vicissitudini drammatiche: entrambe le Guerre Mondiali, ben due pandemie (l’influenza spagnola e il Covid) e le inevitabili difficoltà di una famiglia numerosa in ristrettezze economiche. Ma non ha mai perso il suo bellissimo sorriso. Dopo aver trascorso l’infanzia a Oltre il Colle, ha vissuto nel paesino di Ambra di Zogno per poi approdare a Bergamo, dove si è conclusa la sua parabola. E qui ha messo su famiglia, incontrando l’amore. Il marito Angelo Brozzoni, con cui ha condiviso ben 52 anni della sua vita, se n’è andato ormai tanti anni fa, ma gli ha lasciato quattro splendidi figli.

Roberto, Maria, Piero e Luciana sono stati i pilastri di nonna Angela, sostenendola e accompagnandola negli ultimi anni del suo cammino terreno proprio come lei aveva fatto con loro quando erano piccini. Ha sempre avuto una grinta incredibile, che l’ha portata ad affrontare le difficoltà a testa alta, ma le lancette dell’orologio hanno iniziato a farsi sentire anche su di lei, indebolendola pian piano. Di recente Angela aveva avuto un piccolo incidente domestico, che l’aveva costretta sulla sedia a rotelle. E ben presto si è aggiunto un respiratore ad aiutarla, fedele compagno dei suoi ultimi anni. Fin quando, il 7 maggio 2022, non si è spenta serenamente nel suo letto, abbandonando una vita lunghissima e ricca di emozioni.

Nonna Angela, i suoi segreti e le sue passioni

Raggiungere i 112 anni non è certo una cosa comune: Angela Tiraboschi ha sempre vissuto assecondando le sue più grandi passioni, tra cui il calcio (da tifosa dell’Atalanta, non si è mai persa una partita) e la lettura, cui si è dedicata soprattutto nella sua terza età. E poi si è goduta la vita all’aria aperta, respirando l’aria buona della montagna ogni volta che ne aveva la possibilità e cercando di allontanare lo stress.

Ma c’è un segreto che possa spiegare la sua longevità? Sua figlia Maria aveva avuto modo di rivelarlo: “Credo stia nei geni e nel carattere. Mia mamma è sempre stata buona, una di quelle persone che non portano mai rancore a nessuno”. Tuttavia, per nonna Angela ci sarebbe stato qualcosa in più: rispondendo a chi le chiedeva come avesse fatto a raggiungere questa straordinaria età, aveva ammesso di mangiare bene e in modo leggero (pur non rinunciando alla sua passione, la polenta). E i suoi due elisir di vita (quasi) eterna sono stati un bicchiere di vino a pasto e una vita senza fumo.