Strategie infallibili per vendere gli oggetti che non usiamo più. Svelate dall’esperto

Giuseppe Montana, Head of International di Wallapop, ci spiega come possiamo dare una seconda vita alle cose, vendendo e comprando oggetti usati

Per oltre 30 milioni di italiani, sala e cucina sono le stanze che vengono rinnovate più frequentemente. Con l’inverno ormai alle spalle e la voglia di sole, luce e leggerezza, è arrivato il momento di fare pulizia e liberarsi degli oggetti superflui che durante l’anno si accumulano nelle credenze, negli armadi e negli scaffali di ogni stanza.

Grazie a Wallapop, piattaforma leader nella compravendita di prodotti di second hand che promuove un modello di consumo responsabile e sostenibile, è possibile mettere in vendita quegli oggetti che non hanno più il proprio posto e che non ricordavamo più di possedere. Lo svela una ricerca commissionata da Wallapop a mUp (febbraio 2022 – campione di 1004 intervistati – individui in età compresa fra 18 e 74 anni residenti sull’intero territorio nazionale – interviste CAWI condotte fra il 16 febbraio ed il 19 febbraio 2022): sala (19.6 milioni) e cucina (16.3 milioni), per oltre 30 milioni di italiani, sono le stanze che vengono rinnovate più frequentemente, seguite da camera da letto (per 9.4 milioni) e – sorprendentemente – da balconi e terrazzi, che per oltre 6.4 milioni di nostri connazionali sono spazi in costante ammodernamento.

Giuseppe Montana, Head of International di Wallapop, ci ha spiegato più nel dettaglio la voglia di cambiamento degli italiani, quali sono i vantaggi nel comprare e nel vendere oggetti second hand, non solo per il portafoglio.

Quando si capisce che è il momento di dare una seconda vita a un oggetto?
Credo che ogni momento possa essere quello giusto. Con la bella stagione in particolare sono molte le occasioni per fare ordine tra oggetti che sono ancora in ottime condizioni, ma non si usano più e si accumulano nei nostri armadi e sugli scaffali. Noi di Wallapop abbiamo commissionato un’interessante ricerca a mUp per capire quali sono i luoghi della casa che sono maggiormente soggetti a rinnovamento e di cui quindi si cercano oggetti e prodotti. Ad esempio, la sala è l’ambiente che si rinnova più spesso, perché è dove ci si riunisce, dove si ospitano amici e parenti. Poi seguono la cucina, la camera da letto, balconi e terrazzi.

Quali sono i vantaggi di mettere in vendita oggetti che non si usano più (oltre al guadagno)?
Come hai sottolineato, uno dei vantaggi è proprio il guadagno per chi vende ma anche il risparmio per chi acquista. La compravendita di oggetti usati aiuta indubbiamente ad alimentare un tipo di economia più sostenibile: diminuendo lo spreco, si contengono i danni per l’ambiente. Da un sondaggio che abbiamo commissionato qualche tempo fa a Doxa emerge che per circa il 93% dei Millennials l’acquisto di oggetti usati è determinato dal fatto di essere una scelta sostenibile che da un lato rispetta l’ambiente e dall’altro risulta essere conveniente.
Un altro vantaggio del second hand è che permette di comprare oggetti di ottima qualità pur avendo un budget limitato, dando la possibilità di togliersi anche qualche sfizio che altrimenti sarebbe precluso.

Prima accennavi che la sala è il luogo che si rinnova più frequentemente: in particolare quali sono gli oggetti che si cambiano più spesso?
Per quanto ci riguarda, notiamo che le persone vendono e comprano oggetti di tutti i tipi. Si va dai libri ai vinili, dai videogiochi ai computer, e poi mobili, lampade, poltrone sofà. In generale qualsiasi oggetto che può essere sostituito. Quello che i nostri utenti cercano di fatto è l’unicità, vogliono il pezzo unico e su Wallapop hanno la possibilità di scambiarsi qualsiasi tipo di prodotti. Dobbiamo sempre ricordare che gli oggetti di second hand non sono semplicemente usati, ma sono molto spesso cose che non si trovano più sul mercato oppure che non si trovano nella propria città o nella propria regione. Noi diamo la possibilità di acquistare anche oggetti che provengono dalla Spagna e che magari in Italia non ci sono. Inoltre, c’è tutto il settore del collezionismo che va molto nel trading internazionale. Davvero diamo la possibilità di trovare qualsiasi cosa, anche rara e appunto introvabile ma non per noi.

In che condizione devono essere gli oggetti per poterli vendere?
Premetto che qualsiasi oggetto può essere venduto in Wallapop. Poi sicuramente l’utente trova sulla nostra app e sul sito, la descrizione delle condizioni del prodotto. Quindi, sia nel caso in cui debba vendere sia nel caso in cui debba acquistare, ha la possibilità di indicare o capire in che stato è l’oggetto, grazie a definizioni come: “in buono stato”, “quasi nuovo” ecc. Ovviamente, nel nostro portale la qualità è alta, perché si tratta di oggetti che non si usano più, ma molti sono praticamente nuovi o comunque conservati in buone condizioni.

Hai qualche suggerimento su come rendere più appetibili gli oggetti che si vogliono vendere?
Innanzitutto consiglio di mettere sempre le foto del prodotto che si vuole vendere. L’utente guarda principalmente le immagini. Suggerisco di fare più foto all’oggetto su uno sfondo uniforme, con colori non troppo accessi, perché così vengono presentate al meglio le sue caratteristiche. Per fortuna la maggior parte dei nostri utenti usa i social e quindi è abituata a presentare i contenuti in modo attrattivo. Oltre alle foto, sono molto importanti la descrizione del prodotto e il titolo che deve essere breve e chiaro, preciso, dettagliato e accattivante. Così si facilita l’acquisto. Il prezzo poi deve essere competitivo, soprattutto all’inizio. Non va dimenticato che la nostra è anche una comunità che si basa sul concetto di review. Fare parte attivamente di questa comunità, facilita ovviamente la vendita del proprio prodotto.

I vostri utenti a quale fascia di età appartengono?
I nostri utenti appartengono a tutte le età, anche se abbiamo un maggiore riscontro con i Millennials che sono i portavoce di questo trend di mercato. Questa generazione è più sensibile all’acquisto di oggetti di seconda mano e al tema della sostenibilità. Ma avendo su Wallapop tutte le categorie merceologiche, di fatto è frequentato da persone di tutte le età e con interessi diversi.

Oltre a quelli di cui hai accennato prima, c’è un oggetto che ora va per la maggiore?
C’è moltissimo interesse per le lampade vintage e per gli accessori della casa in generale. Ma anche per libri e vinili, soprattutto stiamo assistendo al grande ritorno dei vinili che vengono considerati prodotti quasi unici, molto affascinanti e da collezionisti. Da noi si può trovare un ampio ventaglio di prodotti non solo provenienti dall’Italia ma anche dall’estero, in particolare dalla Spagna.