Come curare il dolore cervicale senza farmaci?

Il dolore cervicale è un sintomo molto comune, spesso dovuto a una postura scorretta e a sedentarietà. Ecco come liberarsene senza farmaci

Tatiana Maselli Erborista e Editor specializzata in Salute&Benessere Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, ambientalista e appassionata di alimentazione sana, cosmesi naturale e oli essenziali, scrive per il web dal 2013.

Cos’è, cause e sintomi

Il dolore cervicale è un disturbo che colpisce molte persone e che consiste in un sintomo doloroso a livello delle vertebre cervicali, dunque nella zona del collo.

I sintomi includono:

  • dolore più o meno accentuato che può irradiarsi anche alle spalle e alle braccia;
  • bruciore a livello della pelle nell’area della cervicale;
  • formicolii e rigidità muscolare.

In alcuni casi, chi soffre di dolore cervicale può presentare anche nausea, vertigini, mal di testa, problemi legati alla vista e all’udito.

Generalmente le cause sono legate a una cattiva postura: spesso infatti il dolore cervicale è una conseguenza delle tante ore trascorse alla guida o alla scrivania e al computer durante lo studio e il lavoro. La postura scorretta, l’eccessiva sedentarietà e la ripetizione di alcuni movimenti possono infatti portare a contratture muscolari e a infiammazioni che scatenano il dolore cervicale. La cervicalgia può però scatenarsi o aggravarsi anche a causa di posizioni assunte durante il sonno, da difetti che riguardano l’appoggio del piede, da colpi di freddo o da traumi. Non è raro che il mal di collo compaia ad esempio dopo un eccessivo esercizio fisico o uno sforzo. In questi casi il dolore cervicale non è cronico, ma si presenta occasionalmente o comunque è direttamente collegato a un comportamento.

Quando invece il dolore cervicale cronicizza, può dipendere da artrosi cervicale, ernia cervicale, da una malocclusione delle arcate dentali.

Cosa fare

Per curare il dolore cervicale è necessario agire prima di tutto sulla causa.

Quando la cervicalgia è data da un infortunio o uno sforzo eccessivo, ad esempio, è sufficiente stare a riposo ed eventualmente ricorrere a rimedi naturali per alleviare l’infiammazione e il dolore.

Se il dolore cervicale è invece legato a posizioni e postura scorrette assunte durante il sonno o nel corso della giornata, potrebbe essere risolutivo ricorrere a cuscini anatomici in grado di sostenere il collo mentre si dorme e a sedie ergonomiche da utilizzare quando si studia o si lavora. Nel corso della giornata è poi importante fare delle pause, cambiare posizione e dedicare qualche minuto a massaggi nella zona cervicale ed esercizi che mobilizzano collo, testa e spalle.

L’esercizio fisico risulta ovviamente fondamentale per prevenire e curare il dolore cervicale poiché l’attività fisica costante può migliorare la rinforzare i muscoli di schiena, spalle e collo riducendo il rischio di contratture.

In genere il dolore cervicale si risolve in pochi giorni modificando le proprie abitudini ma può essere utile ricorrere a rimedi naturali per alleviare i sintomi. Quando il dolore è cronico e non migliora con una correzione di abitudini e stile di vita o con l’ausilio di rimedi naturali è bene consultare il proprio medico per indagare sulle cause e trovare una soluzione.

Rimedi naturali

In caso di dolore cervicale non è sempre necessario ricorrere a farmaci, poiché esistono diversi rimedi naturali ben tollerati e in grado di ridurre l’infiammazione e con azione analgesica.

Ad esempio, contro il dolore al collo funzionano bene gli impacchi caldi, che possono essere effettuati in diversi modi. Per gli impacchi contro il dolore si può usare un cuscino contenente noccioli di ciliegio, dalle proprietà antinfiammatorie. I cuscini con noccioli di ciliegio si possono acquistare in erboristeria e nei negozi specializzati in prodotti naturali per la cura della persona; si utilizzano dopo averli riscaldati brevemente nel forno microonde, per poi sistemarli sulla zona della cervicale per dieci minuti o più.

Per gli impacchi caldi contro la cervicalgia si può sfruttare anche un impasto preparato con:

  • un cucchiaio di argilla verde ventilata;
  • quattro gocce di olio essenziale di rosmarino;
  • due cucchiai di acqua calda.

Dopo aver steso uno strato del composto sulla zona dietro al collo, si consiglia di applicare una garza e una borsa dell’acqua calda per una maggiore efficacia. L’impacco con argilla può essere lasciato in posa dai dieci ai trenta minuti o più e si risciacqua con acqua tiepida, aiutandosi con una spugna per rimuovere tutti i residui.

Sia i cuscini con noccioli di ciliegio sia gli impacchi con argilla possono essere ripetuti anche più volte al giorno fino alla scomparsa dei sintomi.

Oltre agli impacchi si può avere sollievo da massaggi nell’area del collo e delle spalle, eseguiti da un/una professionista o fai da te. Per l’automassaggio si possono usare oli da massaggio preparati con olio vegetale (di oliva, di girasole, di mandorle dolci) e poche gocce di olio essenziale di rosmarino oppure creme, pomate e unguenti a base arnica o di artiglio del diavolo, rimedi naturali specifici per dolori muscolari e articolari.

Se il dolore cervicale è particolarmente forte, l’estratto di artiglio del diavolo può essere assunto anche oralmente in capsule o compresse. Sempre per via interna, in caso di dolore cervicale intenso, si può ricorrere a preparati erboristici che contengono olmaria, dalle proprietà analgesiche, magari abbinandola a integratori alimentari con curcuma e zenzero, potenti antinfiammatori.

Il dolore cervicale si risolve normalmente nell’arco di pochi giorni: se così non fosse, o se il dolore dovesse addirittura peggiorare nonostante la correzione di abitudini scorrette e il ricorso a rimedi naturali, è bene rivolgersi al proprio medico.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come curare il dolore cervicale senza farmaci?