Glicemia, come tenerla sotto controllo con l’alimentazione

Tenere sotto controllo la glicemia è utile a tutti, non solo ai diabetici, per evitare disfunzioni e aumento di peso. Ecco come fare.

Che si sia diabetici o meno, evitare picchi glicemici è fondamentale per mantenere la linea e la salute. Con qualche piccolo accorgimento è possibile tenere sotto controllo la glicemia a tavola.

Fibre e carboidrati
L’aumento del glucosio nel sangue ha come conseguenza la produzione da parte dell’organismo dell’insulina, l’ormone che interviene per l’appunto nell’assorbimento del glucosio. Se l’insulina è alta, favorisce l’aumento di peso, perché facilita lo stoccaggio dello zucchero sotto forma di grasso. Questo ormone abbassando il livello di glucidi nel sangue, fa sorgere subito dopo un senso di fame e quindi porta a mangiare di più e dunque a mettere ulteriormente a rischio la linea. Introdurre più fibre aiuta a fare in modo che lo zucchero non venga subito assorbito e messo in circolo. Basterà scegliere alimenti integrali al posto di quelli raffinati, e accompagnarli con della verdura. Un esempio? Pasta (o riso) integrale alle verdure. Iniziare ogni pasto con della verdura cruda è un ottimo modo per tenere a bada la glicemia.

Grassi e carboidrati
I grassi contribuiscono a ridurre l’indice glicemico, sempre che vengano consumati senza eccedere. Condire i vostri piatti con dell’olio extravergine d’oliva oppure consumare con moderazione della frutta secca, sono delle buone abitudini alimentari. A proposito di carboidrati, oltre a sceglierli integrali, è bene tenere in considerazioni che i cereali in chicco (ma anche la pasta) hanno un indice glicemico più basso di pane e pizza, ottenuti lavorando la farina prodotta dai cereali stessi.

Cibi più difficili da masticare
La pasta molto cotta è più facile da masticare, ma è anche più amidacea e quindi incide maggiormente sulla glicemia rispetto alla pasta al dente, dove l’amido è meno accessibile ai succhi gastrici. Allo stesso modo alimenti più difficili da masticare spostano meno l’indice glicemici di quelli prontamente assimilabili. Qualche esempio? Meglio consumare le patate intere o a pezzi (per esempio lesse o al forno) che nel purè, come anche la frutta intera rispetto a quella frullata.

Glicemia, come tenerla sotto controllo con l’alimentazione