Antonella Elia sull’aborto a “Oggi è un altro giorno”: “La mia più grande vergogna”

Antonella Elia ha parlato dell'aborto a "Oggi è un altro giorno": un ricordo doloroso, un'azione che oggi definisce come la sua più grande vergogna

Foto di Serena De Filippi

Serena De Filippi

Seo Copywriter & Web Content Editor

Seo Copywriter & Web Content Editor che scrive da tutta la vita: storie, racconti, libri, articoli, con una passione per i trend del momento.

Antonella Elia allo “specchio” di Oggi è un altro giorno, il salotto televisivo condotto da Serena Bortone, non è solo una donna di spettacolo, ma è anche una donna che ha accettato la sua infanzia difficile, dopo la perdita dei genitori. Una donna che ha sempre messo la verità davanti a tutto, anche quando non è facile raccontarla, come nel caso dell’aborto a 26 anni, una scelta che ha definito come la sua “più grande vergogna”.

Antonella Elia parla dell’aborto a Oggi è un altro giorno

Ospite nel salotto di Serena Bortone l’8 maggio 2023 a Oggi è un altro giorno, Antonella Elia si è raccontata insieme al suo fidanzato, Pietro Delle Piane. Lo ha fatto ripercorrendo alcuni momenti salienti della sua vita, come la perdita dei genitori, l’infanzia difficile, la voglia di rivalsa, le (due) proposte di matrimonio di Pietro. In mezzo alla gioia, però, c’è stato spazio anche per un ricordo doloroso: il più difficile per Antonella.

Prendendola per mano, la Bortone ha condotto la Elia allo specchio: giù la maschera, anche se la Elia, per scelta, non ne ha mai portata nemmeno una. Ma proprio allo specchio, dopo aver vestito le sue labbra di sorrisi meravigliosi, la Elia si è incrinata, ricordando l’aborto. A chiederlo è stata la Bortone, ammettendo di non parlare quasi mai di questi argomenti, così delicati e intimi, che non solo possono mettere in difficoltà, ma anche scatenare polemiche.

“Che cosa ricordi di quell’esperienza e perché hai deciso di raccontarla?”, ed è qui che Antonella ha ceduto ogni difesa, con gli occhi lucidi e parole forti. “L’ho detto in una intervista dove il giornalista mi ha chiesto: ‘Hai qualche segreto da dire?’. Sì, te lo dico, ma non lo dici”, ha raccontato, ammettendo di avere consegnato il suo segreto più grande che, alla fine, è stato condiviso su tutti i giornali.

Il dolore e il rimpianto dopo l’aborto

Era il più grande segreto della mia vita, perché è la più grande vergogna della mia vita. Poi, in realtà, lui mi ha detto ‘se non vuoi dirlo, non lo dico’. Alla fine, quando ho letto l’intervista, ho pianto tutte le lacrime di questo mondo, perché vedere pubblicato un segreto di cui ci si vergogna profondamente è orribile, come gettare la tua vita a brandelli. Se tu ti vergogni di una cosa non la devi dire, ma io dico tutto, sono sempre stata così, fin da bambina”.

Ha spiegato, inoltre, che per lei è catartico raccontare i peccati e i mali della sua vita: “Adesso rimpiango di averlo fatto, ora che ho la ragione dell’adulto, che ho sviluppato magari una sensibilità superiore. Mi rendo conto di aver commesso un peccato gravissimo, e io ora avrei un figlio, che non avrò, che non ho“. Il suo bisogno di parlare, di raccontare, di esorcizzare quasi i fatti con le parole, è sempre stato personale, ed è anche un aspetto per cui spesso, ha ammesso, è stata presa in giro. “Volevo essere libera e ora quella voglia di libertà mi si è ritorta contro. Mi sento incompleta“, aveva detto allora, nel corso dell’intervista.