Diaframma, cosa è e come funziona

Un metodo contraccettivo adatto a tutte le donne, basta aver confidenza col proprio corpo

Il diaframma è un metodo contraccettivo che consiste in una protezione (in lattice o in silicone) da introdurre in fondo alla vagina, fino a toccare il collo dell’utero. Si presenta come una semisfera di gomma che fa da barriera all’ingresso degli spermatozoi all’interno dell’utero, impedendo così la fecondazione dell’ovulo.

Come sceglierlo

Esistono vari tipi di diaframma di differenti forme e misure. Prima di comprarne uno, è necessario rivolgerti al tuo ginecologo per determinare la misura e il tipo di diaframma più adeguato, al fine di garantirti una completa efficacia.

Come si usa

Il diaframma va posizionato in vagina al momento stesso di un rapporto sessuale o alcune ore prima. Può essere usato in associazione a una crema spermicida che ne rafforzi l’efficacia, tenendo presente che tale crema ha un’azione limitata a 5 ore. Dopo il rapporto devi lasciarlo posizionato in vagina per almeno 8 ore e toglierlo entro le 24 ore successive. È riutilizzabile e, una volta usato, va lavato con acqua fredda e sapone, asciugato e riposto nell’apposito contenitore. Se ben conservato, può essere utilizzato svariate volte, per un periodo di circa due anni.

Efficacia

È efficace nel 94% dei casi e la causa più frequente di fallimento di tale metodo contraccettivo dipende da un cattivo posizionamento.

A chi è sconsigliato

Il diaframma richiede un certo grado di confidenza con il proprio corpo e, per questo, è sconsigliato a quelle donne che che non si sentono a proprio agio nell’effettuare una manipolazione vaginale. La sua efficacia, infatti, è strettamente legata a buon posizionamento, verifica, rispetto dei tempi, rimozione e conservazione adeguata.

Lascia un commento

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Diaframma, cosa è e come funziona