Tonsille e bambini: in 7 casi su 8 l’intervento si potrebbe evitare

Secondo uno studio inglese la rimozione di tonsille e adenoidi il più delle volte non è necessaria e causa anche molti problemi ai bambini

L’intervento di rimozione delle tonsille e delle adenoidi si potrebbe evitare 7 casi su 8.

Lo svela un nuovo studio inglese secondo cui l’operazione non solo spesso non è necessaria, ma può causare anche dei problemi, perché elimina il tessuto linfatico che protegge il tratto digestivo e respiratorio del bambino dalle possibili infezioni esterne. La ricerca, pubblicata sulla celebre rivista British Journal of General Practice, punta il dito contro la tonsillectomia, un’operazione eseguita, il più delle volte, con grande leggerezza, a discapito della salute dei più piccoli.

Lo studio è stato condotto dagli esperti dell’Università di Birmingham, che hanno analizzato le cartelle cliniche di ben 1,6 milioni di bambini in tutto il Regno Unito, fra il 2005 e il 2006. Oltre 18mila hanno subito la tonsillectomia anche se non avevano realmente bisogno dell’intervento. Solo nell’11,7% dei casi risultava necessaria la rimozione delle tonsille.

Dunque quando è necessario rimuovere le tonsille e quando invece no? Per gli esperti dovrebbero subire l’intervento solo i bambini che soffrono di tonsillite acuta con più di sette episodi l’anno, oppure tre in tre anni e cinque in due anni. In questi casi intervenire è fondamentale per garantire la salute dei più piccoli.

In caso contrario i rischi sono piuttosto alti, come ha recentemente svelato una ricerca pubblicata su Jama Otolaryngology Head Neck Surgery, svolta in Danimarca su quasi due milioni di pazienti. La ricerca ha svelato che la rimozione di adenoidi e tonsille, da adulti provoca un rischio maggiore di malattie respiratorie e infezioni. Prima di intervenire dunque è d’obbligo pensarci molto bene per capire se quella della chirurgia è la strada giusta.

Le adenoidi particolare, spesso vengono tolte per migliorare la qualità del sonno e favorire la respirazione del bambino. Questo tessuto linfatico della laringe infatti spesso subisce un ingrossamento nei più piccoli, con conseguenze ostruttive. Il problema però si può risolvere ricorrendo ad altre terapie, stabilite insieme al proprio pediatra.

Tonsille e bambini: in 7 casi su 8 l’intervento si potrebbe ...