Apnee del sonno: sintomi e rischi per il cuore

Le apnee del sonno sono un problema che può portare a gravi conseguenze: scopriamo come riconoscere i sintomi e cosa fare

Con il termine apnee del sonno vengono indicate delle interruzioni della normale respirazione e che possono avere gravi conseguenze per la salute, causando dei rischi per il cuore.

Le apnee possono durare da pochi secondi sino a 40, si tratta di un gesto del tutto involontario che avviene durante il sonno, quindi solitamente nel corso della notte. Le apnee possono essere numerose oppure sporadiche e sono seguite da inspirazioni rumorose e bruschi risvegli che possono spaventare le altre persone, ma anche chi ne soffre.

Non si tratta di una patologia che può essere curata con dei farmaci, ma di un fattore di rischio che può portare ad alcune patologie che coinvolgono soprattutto il cuore. Nel corso degli anni infatti l’ipersonnia determina degli scompensi nella regolazione del battito cardiaco, dei processi metabolici e della pressione arteriosa. I segnali più frequenti delle apnee notturne sono difficoltà a risvegliarsi, irritabilità e mancanza di concentrazione, che indicano una cattiva qualità del sonno.

La conseguenza diretta è un peggioramento della qualità della vita e della salute. Non a caso sono moltissime le patologie che vengono causate dall’OSAS, in particolare l’ipertensione arteriosa, problemi cardiovascolari e sovrappeso, difficilmente risolvibile anche con le diete.

Quali sono le cause delle apnee notturne? Sono dovute solitamente ad un’ostruzione delle prime vie aeree ossia la faringe e la laringe. I più colpiti sono coloro che presentano delle malformazioni al collo e alla mandibola, sono obesi o sovrappeso.

Solitamente chi soffre di apnee notturne non se ne accorge, ma si rivolge al medico solo su insistenza del partner o dei parenti infastiditi dal continuo russare. Come viene diagnosticato il problema? Per prima cosa è importante chiedere consiglio al proprio medico, che prescriverà una polisonnografia. Si tratta di test che si può effettuare anche a casa e consente di registrare cosa accade al corpo durante il sonno.

Nel caso in cui il test risulti positivo sarà necessario rivolgersi ad un centro specializzato per valutare insieme ad uno specialista una possibile terapia. I rimedi sono tanti e variano in base alla persona. Si va dalla semplice perdita di peso all’uso di apparecchi che consentono di liberare le vie aeree sino ad un intervento chirurgico al palato.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Apnee del sonno: sintomi e rischi per il cuore