Elisabetta II, l’ultimo gesto per Camilla: come l’ha aiutata a diventare Regina

La Sovrana, immaginando i malumori che sarebbero seguiti all'incoronazione di Camilla, ha fatto una importante dichiarazione pochi mesi prima di morire

Nel Regno Unito, dopo la scomparsa della Regina Elisabetta, uno degli argomenti più caldi resta la nomina di Camilla Shand a Regina Consorte. Essendo la seconda moglie di Re Carlo, si è discusso a lungo se fosse giusto che le venisse attribuito questo titolo. Anche perché, dopo la tragedia di Lady Diana, si scelse di non attribuire a Camilla il titolo di Principessa del Galles, rimasto, fino all’8 settembre, vacante, e oggi passato a Kate Middleton. Ma le parole enunciate da Elisabetta II, in uno dei suoi ultimi comunicati ufficiali, hanno permesso alla “donna più odiata del regno” di salire al trono.

Le parole di Elisabetta II per Camilla

La Regina Elisabetta ha messo una pietra per poter costruire il percorso di Camilla verso la Corona. La Sovrana, infatti, lo scorso febbraio, aveva auspicato che il popolo inglese avrebbe accolto la moglie di suo figlio come era stato fatto con suo marito, il Principe Filippo, e la Regina Madre, entrambi consorti del Sovrano in carica.

L’occasione era stata l’anniversario della sua salita al trono ben 70 anni prima: “Rinnovo la promessa di dedicare la mia vita al vostro servizio – aveva esordito Elisabetta II – e ringrazio la mia famiglia per il sostegno ricevuto, e l’impegno profuso”. La Sovrana, citando il marito e la madre come pilastri dell’istituzione, ha esortato ad accogliere, a tempo debito, anche Carlo e Camilla.

“Quando, a tempo debito, mio ​​figlio Carlo diventerà Re, so che darete a lui e a sua moglie, Camilla, lo stesso sostegno che avete dato a me. Ed è mio sincero augurio che, quando verrà quel momento, Camilla verrà riconosciuta come Regina Consorte, continuando a servire voi e la Corona con lealtà, come ha fatto fino ad oggi.”

L’ultima a rivestire questo ruolo era stata proprio la Regina Madre, moglie di Re Giorgio VI: figura importante nella storia del XX secolo, Hitler la considerava la donna più pericolosa d’Europa, e decise di rimanere a Londra, sotto i bombardamenti, per non lasciare suo marito e il suo popolo.

L’importanza delle parole della Regina Elisabetta

Parole inaspettate quelle di Elisabetta II, ma che hanno segnato un profondo cambiamento di rotta in quella che era la decisione iniziale, che sembrava essere stata presa a Palazzo: non dare alla moglie di Re Carlo il titolo più importante. Inaspettate anche perché raramente Elisabetta ha fatto dichiarazioni di questo tipo, ma, giunta a 96 anni, la Sovrana aveva capito che quello sarebbe dovuto essere a breve il destino del suo regno.

Una Regina lungimirante, come sempre, che conoscendo l’opinione popolare, ha voluto, con la sua autorevolezza, indicare ai suoi sudditi la strada giusta da seguire, quella del rispetto verso Camilla, nonostante i fantasmi del passato.

Il ruolo di Principessa del Galles, un tempo di Diana, è passato direttamente a Kate Middleton, ma Lady D non è stata Regina, e non lo sarebbe mai diventata, visto il divorzio da Carlo. Che piaccia o no, quella corona oggi spetta a Camilla, e l’augurio è che, come in questi anni, riesca con la sua discrezione a restare una figura rispettabile.