Hina Saleem: uccisa dal padre perché ha osato “sbagliare”

Ha osato vivere secondo le sue regole, infrangendo quelle imposte da suo padre. Così Hina ha pagato con la sua vita il prezzo della libertà

Foto di Sabina Petrazzuolo

Sabina Petrazzuolo

Lifestyle editor e storyteller

Scrittrice e storyteller. Scovo emozioni e le trasformo in storie. Lifestyle blogger e autrice di 365 giorni, tutti i giorni, per essere felice

Sin da bambine ci hanno insegnato che sbagliare è umano e che, anzi, è proprio dagli errori che possiamo imparare, migliorare e crescere. Così questi, nella nostra società, sono contemplati, accettati e perdonati. Ma a Hina no, a lei non era concesso errare. E quei continui sbagli, considerava tali da suo padre, le sono costati la vita. Così l’11 agosto del 2006, Hina Salem ha pagato il diritto di sbagliare, di sovvertire le regole familiari, di prendersi la libertà che gli era stata negata.

Registrati per continuare a leggere questo contenuto