Bambini Indaco, Cristallo e Arcobaleno: chi sono e come riconoscerli

Secondo alcune teorie parapsicologiche, avrebbero un livello di saggezza innato. E avrebbero caratteristiche che li renderebbero facilmente distinguibili.

A un occhio superficiale potrebbero sembrare bambini come tutti gli altri, ma non è così.  Sono gli “Star Children“, “Gifted Children” o anche “Millenium Children“. Secondo una branca di pensiero della parapsicologia, rappresenterebbero (come si può chiaramente capire dal nome) un vero dono, oltre che per la loro famiglia, per l’umanità tutta. Il segreto starebbe nella loro energia, l’aura, in grado di portare il genere umano a uno stadio evolutivo più avanzato. E tutto questo avverrebbe attraverso un livello straordinario di saggezza e di amore innato, in grado di risvegliare la nostra forza interiore.

E’ stata per prima la scrittrice, psicoterapeuta e chiaroveggente Doreen Virtue a teorizzare l’avvento della generazione dei bambini cristallo, successiva a quella indaco (per via del particolare colore della loro aura) che sarebbe nata tra gli anni ’70 e i ’90.

Dagli anni 2000, dunque, si sarebbero palesate sul nostro Pianeta due generazioni successive di bambini speciali: i “bambini cristallo” e i “bambini arcobaleno“.

La loro connotazione cristallina o arcobaleno deriverebbe anche in questo caso dall’aura, che sarebbe rispettivamente opalescente o multicolore. Rispetto alla precedente generazione di bimbi speciali, anche loro avrebbero doti spirituali innate e poteri paranormali come elevate capacità telepatiche e psichiche. La telepatia potrebbe in certi casi provocare loro un lieve ritardo nello sviluppo del linguaggio, con il risultato di imparare a parlare anche a 3-4 anni. Talvolta verrebbe loro diagnosticato l’autismo o la sindrome di Asperger.

Molto calmi e pacifici di carattere, affettuosi e incredibilmente sensibili ad energie ed emozioni, i libri “The Crystal Children” e “Indigo, Crystal And Rainbow Children” di Doreen Virtue ci spiegano come è possibile riconoscere questi bimbi così particolari. Il primo aspetto risiederebbe nei loro occhi: sono molto grandi e penetranti, quasi ipnotici. Quando ci fissano ci danno la sensazione che la nostra anima sia messa a nudo. Altro indizio è nel fatto che sono talmente calmi e riflessivi da non cedere quasi mai ai capricci e di essere molto inclini al perdono, decisamente più dei loro coetanei. Detto della difficoltà di linguaggio, spesso riescono a cantare prima di saper parlare, non hanno alcun timore dell’altezza (si arrampicano senza problemi) e hanno un innato senso dell’orientamento, sono molto spirituali, legati alla natura e amanti degli animali. Riguardo alla dieta, infine, sono più portati a nutrirsi di verdure e alimenti crudi, evitando carne (soprattutto se rossa), zucchero bianco e farina raffinata.

Rispetto ai “bambini cristallo”, poi, i “bambini arcobaleno” hanno caratteristiche ancora più evolute. Secondo Doreen Virtuesono l’incarnazione della nostra divinità e l’esempio del nostro potenziale“, avendo caratteristiche addirittura extraterrestri. Generalmente si ammalano poco, ma sono sensibilissimi alla negatività umana, agitandosi di fronte a liti o manifestazioni di meschinità. Perciò massima attenzione se vi trovaste in situazioni del genere…

Bambini Indaco, Cristallo e Arcobaleno: chi sono e come riconosce...