Baby box, il regalo della Finlandia ai neo genitori che piace al mondo intero

Nato con l'obiettivo di ridurre la mortalità infantile, e supportare le famiglie a basso reddito, la baby box finlandese è diventata una tradizione esemplare

Foto di DiLei

DiLei

Redazione

DiLei è il magazine femminile di Italiaonline lanciato a febbraio 2013, che parla a tutte le donne con occhi al 100% femminili.

L’arrivo di un figlio è l’esperienza più intensa e ingombrante nella vita di un genitore. Le emozioni che ci si ritrova ad affrontare sono tantissime, così come sono molti i cambiamenti di abitudini che stravolgono e sconvolgono la quotidianità. Una rete di supporto, che si stringe intorno alle neo mamme e ai neo papà, risulta sempre più fondamentale per i genitori che si trovano ad affrontare questa meravigliosa sfida.

Alcuni Paesi, questo, lo hanno capito già da tempo, aiutando in maniera concreta i genitori in modi e maniere differenti. Lo ha fatto anche la Finlandia che, come sappiamo, è un territorio pionieristico in questo senso, grazie all’attuazione di politiche interne che rendono questo Paese a misura di famiglia.

È proprio dalla Nazione del Nord Europa, che infatti, arriva la baby box. Uno splendido regalo da parte del governo, ai neo genitori, che piace alle famiglie del Paese, e anche al resto del mondo che non ha tardato a replicare quella che è una tradizione bellissima ed esemplare da perpetuare.

Cos’è la baby box finlandese

Correva l’anno 1938 quando, per la prima volta, le famiglie residenti in Finlandia ricevevano questo maternity kit, una Finnish baby box distribuita in maniera gratuita dal governo a tutte le famiglie a basso reddito. Una scatola in cartone che conteneva tutto il necessario per il bambino e per i suoi primi giorni di vita.

L’obiettivo di questa iniziativa lontana era quello di ridurre e contrastare i tassi di mortalità infantili che riguardavano soprattutto le zone rurali del Paese. Grazie allo spirito egualitario che appartiene alla Finlandia, e al grande entusiasmo attorno all’iniziativa, la distribuzione della baby box si è allargata a tutte le famiglie del Paese.

Lo spirito del progetto, oggi come ieri, non si ferma solo a fornire un supporto ai neo genitori dal punto di vista pratico, ma è quello di diffondere una vera e propria educazione familiare che pone l’accento sulla cura dei neonati.

La Finnish baby box contiene tutta una serie di prodotti utili alle prime settimane di vita del neonato. Ci sono i pannolini e i vestitini, le coperte e le lenzuola. Ma non mancano neanche libri, peluche e altri oggetti per l’igiene del bambino. La stessa scatola di cartone, oggi come ieri, viene utilizzata come culla per i bambini. Basta aggiungere un semplice materassino per garantire un sonno sereno e sicuro ai bambini.

La tradizione che piace al mondo

Non stupisce che questa meravigliosa iniziativa, diventata parte integrante della tradizione finlandese, abbia raccolto consenso ed entusiasmo da parte dei genitori di tutto il mondo, e non solo. Anche alcuni Paesi, infatti, hanno deciso di replicare questa usanza fornendo una baby box gratuita alle neo mamme e ai neo papà.

A seguire l’esempio finlandese, per esempio, è stato il New Jersey, guadagnandosi il titolo di primo Paese in America a offrire un kit per neonati a tutte le famiglie. L’obiettivo è sempre quello di ridurre la mortalità infantile, ma anche di supportare i genitori in questa entusiasmante sfida. Non è tutto, però, perché lo Stato ha messo a punto anche un progetto parallelo per diffondere informazioni per la cura dei neonati e per favorire una crescita sana. Insieme alla box, infatti, alle mamme viene regalato un corso da seguire online che diffonde tutta una serie di consigli sui primi giorni di vita del bambino. Allattamento, sonno e igiene, ma anche informazioni utili sulla depressione post gravidanza, e risposte alle domande che tutti i genitori si pongono in questo periodo delicato.

Sulla scia del New Jersey, poi, altri Paese in America hanno scelto di offrire le baby box gratuitamente alle famiglie. Lo hanno fatto in Canada, in Alabama e anche in Ohio. E in Italia? Attualmente nessuna politica del Paese prevede l’invio di un kit per neonato, tuttavia ci sono alcune startup e associazioni che hanno scelto di replicare l’iniziativa per supportare le famiglie, creando delle Finnish baby box da acquistare a buon mercato.