Olocausto, i film sulla Shoah (non i soliti titoli)

I film sulla Shoah per ricordare l'Olocausto e le sue vittime con pellicole diverse dal solito

Il 27 gennaio si celebra il Giorno della Memoria per commemorare le vittime dell’Olocausto. Sono stati tanti i film che hanno scelto di raccontare la Shoah, portando al cinema le storie dei protagonisti di una delle più grandi tragedie che il mondo abbia mai vissuto. Un modo per ricordare, ma anche per assicurarsi che l’orrore non accada mai più. Era il 27 gennaio del 1945 quando le truppe dell’Armata Rossa entrarono nel campo di concentramento di Auschwitz. In quel giorno milioni di persone scoprirono la tragedia che si era consumata e quanto in là si fosse spinta la “banalità del male”. Ricordare e conoscere la Shoah oggi è un obbligo e tutto questo si può fare vedendo alcuni fra i film che hanno narrato l’Olocausto.

Il pianista di Roman Polański

Diretto da Roman Polański, Il pianista è tratto dall’autobiografia di Władysław Szpilman. Protagonista Adrien Brody che veste i panni di Szpilman, un musicista ebreo che vive nel ghetto di Varsavia. Un film intenso, accompagnato dalle note melodiose del pianoforte che si contrappongono alle violenze e alla morte che scorrono durante la pellicola. Nel 2002 Polański affermò di essere stato chiamato per dirigere Schindler’s List, ma il regista, che è un ex deportato polacco, rifiutò perché il dolore di quanto aveva vissuto era ancora troppo forte. La regia della pellicola dunque andò a Steven Spielberg. Il pianista ha vinto numerosi premi fra cui 3 Oscar e la Palma d’oro al Festival di Cannes.

Il diario di Anna Frank di George Stevens

Simbolo della Shoah, grazie al diario scritto durante il periodo in cui si nascondeva con la famiglia dai nazisti, Anna Frank è la protagonista di un film intenso. A interpretarla Shelley Winters che ripercorre la sua storia, dalla persecuzione nazista alla morte nel campo di concentramento di Bergen-Belsen. Una pellicola intensa che si è aggiudicata ben 3 Oscar.

Jakob, il bugiardo di Peter Kassovitz

Film del 1999 con uno straordinario Robin Williams, si tratta del remake dell’omonima pellicola del 1975 ispirata al romanzo di Jurek Becker. Siamo in Polonia nel 1944 e Jakob, negoziante ebreo, inizia a inventare falsi bollettini di guerra per risollevare il morale delle persone. Senza volerlo si ritrova a diventare un eroe.

Jona che visse nella balena di Roberto Faenza

Il capolavoro di Roberto Faenza è tratto da Anni d’infanzia, un bambino nei lager, romanzo autobiografico di Jona Oberski, scrittore olandese. Sullo schermo scorre la vicenda di Jona, un bambino di 4 anni che vive ad Amsterdam. Dopo l’occupazione dei tedeschi il piccolo verrà deportato con i genitori. I film ha vinto 3 David di Donatello.

La vita davanti a sé di Edoardo Ponti

Il film del 2020 porta sullo schermo una grande Sofia Loren che veste i panni di Madame Rosà, ebrea reduce da Auschwitz. La sua solitudine si incontra con quella di Momò, un bambino senegalese che è rimasto orfano.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Olocausto, i film sulla Shoah (non i soliti titoli)