Incantesimi scacciaguai: ecco i rituali magici da fare la notte di Halloween

Per onorare i morti, per affrontare il futuro, per scacciare i problemi... la notte di Halloween provate questi rituali magici pagani

Puntuale come ogni anno è finalmente arrivato Halloween. Il 31 ottobre è diventato oggigiorno una festa commerciale: le persone indossano costumi spaventosi, vanno di casa in casa per il classico trick or treat e guardano film horror. Probabilmente anche voi avete festeggiato così la notte più tenebrosa dell’anno.

Tuttavia, questa festa ampiamente secolare ha in realtà antiche radici religiose. Halloween ha infatti origini pagane: gli antichi Celti definivano questa notte Samhain, cioè “fine dell’estate”, che segna il periodo dell’anno in cui si credeva che il velo tra il mondo dei vivi e il mondo dei morti fosse più sottile.

Anticamente si riteneva infatti che durante la notte di Halloween, attraverso particolari rituali, fosse possibile passare da un mondo all’altro. Per questo, veniva considerato un giorno particolarmente propizio per comunicare direttamente con i propri cari deceduti.

Tradizionalmente, la notte di Halloween (che deriva dalla parola scozzese “All Hallows’ Eve”, che significa “la notte di tutti gli spiriti santi”) è il momento dell’anno in cui il tempo perde il suo significato e in cui le forze del caos e le leggi del mondo fisico si sconvolgono. Per questo è il momento ideale non solo per onorare i morti, ma anche per fare qualche piccolo incantesimo propiziatorio. Curiosi? Ecco 4 rituali magici scacciaguai da fare la notte di Halloween.

Il rituale per onorare i morti

Non è certo una coincidenza che questa festività sia strettamente associata alla morte. Halloween infatti ha luogo in pieno autunno, la stagione in cui la natura sembra “morire” prima che arrivi il buio e il freddo dell’inverno. È per questo simbolismo che ad Halloween si festeggia la morte.

Come fare? Occorrono solo poche cose per celebrare questo rituale: una candela, dell’incenso e del cibo. Purificate l’ambiente con l’incenso, apparecchiate la tavola, e accendete la candela intorno a mezzanotte. Per ottenere il favore e la protezione delle anime che vagano per la terra dei vivi, offrite loro in dono il vostro cibo.

Chi vuole può incorporare nel rituale foto e/o oggetti ricordo delle persone a loro care che sono morte, con l’obiettivo di sentirsi più vicino a loro.

Il rituale della scopa per un nuovo inizio

Per gli antichi Celti la festività dello Samhain rappresentava l’inizio del nuovo anno; proprio per questo celebravano il 31 di ottobre saldando i loro debiti e cercando predizioni per l’anno a venire. Per augurarsi un nuovo, migliore inizio non c’è rituale migliore che quello di purificazione della propria casa.

Come fare? Cospargete di sale i pavimenti, e con una scopa di saggina, scopate via tutto il sale verso l’esterno della casa. Questa “pulizia magica” vi aiuterà a liberare e purificare il vostro spazio.

Il rituale per un futuro più prospero

Dopo aver onorato i morti e coltivare un radicato senso del presente, trascorrete il resto di Halloween guardando al futuro. Questa forma di celebrazione è molto accessibile, anche se non si ha familiarità con le fedi basate sulla natura.

Basterà scrivere un desiderio per il prossimo anno su una foglia di alloro e poi tenerla stretta al cuore mentre visualizzate il desiderio che si sta avverando. Quindi gettate la foglia nel fuoco e ripetete a voi stessi: «So shall it be» («Così sarà»).

Nei rituali pagani, le foglie di alloro sono associate al successo e alla pulizia, quindi sono il veicolo perfetto per questo tipo di manifestazione.

Il rituale del fuoco per scacciare i problemi

Avete dei pensieri che vi assillano? C’è un problema che non riuscite a superare? Vi sentite costantemente circondate da persone negative? Il rituale del fuoco è l’incantesimo giusto per voi.

Vi basterà prendere un “calderone” (anche un posacenere va benissimo), e scrivere su un foglio di carta ciò che vi affligge o cioè che vorreste allontanare da voi. Piegate il foglio in modo tale che non si possa leggere quanto scritto e bruciatelo nel vostro “calderone”. L’idea di base è quella di bruciare tutte le emozioni, le cose o le persone negative. Una volta che i vostri foglietti saranno ridotti in cenere, raccogliete il tutto e soffiatelo al vento.