Gianfranco Vissani, chef: biografia e curiosità

Gianfranco Vissani è un celebre personaggio della ristorazione. Non resta che scoprire alcune curiosità sulla vita e la carriera di questo famoso cuoco

Gianfranco Vissani è nato il 22 novembre 1951 a Civitella del Lago, in provincia di Baschi nella regione Lazio. Si tratta di un rinomato chef, nonché di uno dei cuochi più noti nel mondo della ristorazione e della cucina. Sempre in ambito culinario, Gianfranco Vissani svolge inoltre il ruolo di gastronomo e di critico gastronomico. Al contempo, questo cuoco si dedica ad ulteriori attività: essendo un grande appassionato di libri, ha realizzato numerosi scritti ed ha ricoperto anche il ruolo di conduttore di varie trasmissioni televisive durante il suo percorso professionale. I suoi libri sono incentrati prevalentemente sulla cucina, sulla gastronomia e su numerose ricette. Gianfranco Vissani ha scoperto il suo forte interesse per il mondo della ristorazione molto giovane, durante il periodo del liceo. In questo periodo frequenta la scuola alberghiera a Spoleto, ottenendo la specializzazione di “aiuto cuoco” verso la fine degli anni sessanta. Successivamente inizia a frequentare il corso di specializzazione, ma poco dopo decide di abbandonarlo definitivamente. Questa decisione è scaturita dalla scelta di allontanarsi dal suo paese d’origine per poter intraprendere le prime esperienze lavorative in varie zone d’Italia presso alcuni ristoranti ed alberghi, soprattutto per quanto riguarda le principali località turistiche.

Grazie a queste prime occupazioni, Gianfranco Vissani inizia così a farsi valere nel settore culinario, cominciando ad accrescere ed ampliare le sue conoscenze nel mondo della gastronomia. Pian piano, questo grande chef comincia a lavorare per i più importanti ristoranti e locali italiani tanto che grazie a queste esperienze riesce a farsi conoscere sempre di più nel settore gastronomico. Precisamente, la sua carriera ha avuto inizio quando è diventato gestore del ristorante del padre. A tal proposito, Vissani ha dovuto far ritorno nel suo paese d’origine verso la metà degli anni settanta, cominciando così a svolgere la professione di cuoco. Si occupava da solo del suo ristorante, noto con il nome “Casa Vissani”, grazie al quale ottenne sin da subito ottimi riscontri dalla critica gastronomica, tanto che durante gli anni ottanta la rivista “l’Espresso” lo premiò con un significativo riconoscimento. Il suo locale è diventato quindi uno dei primi ristoranti ad aver ottenuto delle recensioni positive nel mondo del giornalismo. Gianfranco Vissani ha ottenuto un ulteriore ed importante titolo dalla guida “Michelin” che lo ha premiato con due stelle. Tuttavia, Gianfranco non si occupa esclusivamente della gastronomia.

La sua intensa carriera lo porterà ad effettuare numerosi viaggi e spostamenti in tutto il mondo, in modo tale da poter offrire le sue lezioni culinarie, partecipare ad importanti celebrazioni, nonché a varie sfide gastronomiche. Visto il successo ottenuto, questo rinomato chef vanta quindi una carriera molto lunga ed impegnativa. Si occupa principalmente di varie lezioni gastronomiche e di sfide di cucina, iniziando così a lavorare anche all’interno del panorama televisivo e radiofonico in qualità di conduttore delle rubriche dedicate alle sue principali attività. Collabora per numerosi programmi della Rai, tra cui “Domenica In” e “Linea Verde” al fianco di “Paolo Brosio“. Questo debutto nel mondo della televisione lo porta a far parte della trasmissione “La prova del cuoco”, ovvero un programma basato sulla preparazione di varie ricette che in seguito venivano criticate dalle giurie. Nel 2012 Gianfranco Vissani inizia a lavorare per il canale La7, in qualità di conduttore della trasmissione intitolata “Ti ci porto io”. Il programma veniva trasmesso ogni domenica e il suo intento era quello di rivelare al pubblico le varie peculiarità gastronomiche appartenenti alle regioni italiane. Tuttavia, il programma venne trasmesso per un arco di tempo breve, dopodiché fu eliminato e sostituito con la trasmissione chiamata “Fuori di gusto”.

Successivamente Vissani ha lavorato per la trasmissione televisiva intitolata “Altrimenti ci arrabbiamo”, sotto la conduzione di Milly Carducci. Lo scopo del programma era quello di far imparare a vari artisti celebri alcune bizzarre attività al fianco dei maestri che offrivano il loro supporto. Dopodiché le celebrità dovevano esibirsi davanti agli spettatori che avevano il compito di votare per stabilire i vincitori finali. Non è da sottovalutare inoltre la sua partecipazione ad un episodio del famoso programma intitolato “MasterChef” che lo vide impegnato in qualità di ospite. In seguito, Vissani ha collaborato nuovamente per un nuovo show, questa volta nel ruolo di critico nel programma “La prova del cuoco” per il quale ha lavorato per circa un anno. I libri di Gianfranco Vissani dedicati alle ricette e al mondo gastronomico hanno riscosso un grande successo ed hanno ottenuto numerosi riscontri positivi. La sua prima opera, intitolata “La tradizione regionale nella cucina di Vissani”, risale al 1998. Nell’anno 2011, lo chef decide di trasferirsi nel paese di Gravina, un comune della provincia di Bari, in Puglia. Qui coglie l’occasione per diventare gestore di un ristorante che era stato sottratto alla criminalità della zona. Gianfranco Vissani è diventato dunque il possessore del locale chiamato “Antica masseria dell’alta Murgia”.

Gianfranco Vissani, chef: biografia e curiosità
Gianfranco Vissani, chef: biografia e curiosità