Frasi di Oriana Fallaci sulle donne, le citazioni da conoscere

La giornalista italiana, esempio di forza e indipendenza, ha spesso tracciato affascinanti ritratti di donne. Le migliori citazioni e aforismi

Oriana Fallaci è stata una delle più apprezzate giornaliste e scrittrici del XX secolo. Simbolo del femminismo internazionale, è stata un esempio di forza, tenacia e coerenza nel portare avanti le sue idee. Personaggio che ha divido e divide tuttora l’opinione pubblica proprio per il suo carattere indipendente e testardo e le sue ferme prese di posizione politiche e sociali, l’autrice ha spesso scritto e messo al centro delle sue interviste e dei suoi libri, figure femminili di straordinario fascino e coraggio. Nata a Firenze il 29 giugno del 1929, ha vissuto a lungo in America e lavorato al fronte, per esempio in Vietnam, esperienza che l’ha fatta diventare la prima donna inviata speciale italiana. La sicurezza in se stessa e il talento nel saper raccontare i fatti e intervistare personalità complesse, hanno permesso a Oriana Fallaci di ritagliarsi un ruolo da protagonista in un mestiere, il giornalismo, che all’epoca era quasi totalmente appannaggio degli uomini. In libri come “Il sesso inutile”, “Penelope alla guerra” e “Lettera a un bambino mai nato”, ma anche in altri, l’universo femminile viene raccontato dalla scrittrice sotto diversi aspetti, con intelligenza e profondità. Chi vuole conoscere più approfonditamente l’opera e il lavoro della giornalista toscana, in particolare riguardo alla sua visione del femminile, con DiLei, può trovare una selezione di frasi di Oriana Fallaci sulle donne con le sue citazioni più belle e riflessive.

Aforismi e frasi di Oriana Fallaci sulle donne

Con la sua penna feconda, Oriana Fallaci ha scritto su carta gli argomenti più scottanti del XX e del XXI secolo, con di vista coraggiosi, agguerriti e appassionati sulle donne. Strenua sostenitrice della parità tra i sessi e della particolare intelligenza che hanno i soggetti femminili, non è tuttavia mancato uno scontro on le femministe. Di seguito alcune citazioni e aforismi di Oriana Fallaci sulle donne.

  • Risponderò in stile minigonna, cioè in modo abbastanza lungo da coprire l’argomento e abbastanza breve da renderlo interessante
  • La rivoluzione più grande è, in un paese, quella che cambia le donne e il loro sistema di vita. Non si può fare la rivoluzione senza le donne. Forse le donne sono fisicamente più deboli ma moralmente hanno una forza cento volte più grande
  • Le donne non sono una fauna speciale e non capisco per quale ragione esse debbano costituire, specialmente sui giornali, un argomento a parte: come lo sport, la politica e il bollettino meteorologico
  • Sono belle le bambine vietnamite, e quasi sempre diventano donne bellissime, e la bellezza non scomoda mai nella vita: fa perdonare perfino l’intelligenza
  • La paura che fanno le donne le quali, quando sono potenti, lo sono sempre più di un uomo potente
  • Le donne, oggi, tendono talmente a minimizzare il dono del donarsi e la donna che si dona… Nei romanzi francesi dell’altro secolo si leggeva spesso questa frase che a me pare giusta: “Mi sono donata”. Oggi non è più un dono, è piuttosto un abbandono: provocato da elementi esteriori come una serata piacevole, una intesa passeggera, le vacanze
  • Essere donna è così affascinante. È un’avventura che richiede tale coraggio, una sfida che non annoia mai. Avrai tante cose da intraprendere se nascerai donna. Per incominciare, avrai da batterti per sostenere che se Dio esiste potrebbe anche essere una vecchia coi capelli bianchi o una bella ragazza
  • Avrai da batterti per dimostrare che dentro il tuo corpo liscio e rotondo c’è un’intelligenza che chiede d’essere ascoltata

Frasi di Oriana Fallaci, tratte da “Penelope alla guerra”

“Penelope alla guerra” è la prima opera narrativa della giornalista e parla di una donna che, straniera a New York, non esita a sfidare le convenzioni e le ingiustizie di una società maschilista. Alla ricerca della sua identità e libertà, la protagonista del libro è una figura forte e indipendente. Qualcuna delle più belle frasi e gli aforismi tratti dal libro.

  • Amare a vuoto è peccato mortale e regalarsi a qualcuno è delitto
  • Ogni cosa è fatta di tre punti di vista: il mio, il suo, e la verità
  • Se hai male all’anima nessuno ti aiuta. Ti deridono, anzi: quasi che il dolore non fisico sia una cosa grottesca
  • C’è spesso, nella vita, una sorta di fatalità. E questa fatalità, non noi, ha determinato ciò che doveva accadere
  • Ci sono tre tipi di persone: quelli che vivono la propria vita, quelli che discutono la propria vita, quelli che scrivono la propria vita
  • È la più antica forma di masochismo, quella di amare chi non sa amare: e la più stupida
  • La vera guerra non è quella che combatti quando due imbecilli hanno deciso di buttare una bomba. La vera guerra è quella che combatti nell’amore e nell’odio non comandati, soprattutto quando ritorni. Tu ritorni, Giò, col cervello e il cuore sbranati da una ferita gravissima: ma gli altri lo ignorano perché nelle apparenze tu sei come prima. Lasciali in questa illusione. Non raccontare che sei cambiata, non raccontare la guerra che ti ha fatto cambiare. La tribù dove vivi non sa cosa farsene dei martiri e degli eroi. Essi vanno contro le regole, essi turbano la coscienza dei semplici, essi sono i pazzi in un mondo di savi. Devi tacere o mentire se non vuoi spaventarli
  • Lo amavano, sì, ma non capivano che allo stesso modo in cui amare qualcuno ti riempie, essere amato ti svuota: qui colui che ti ama non fa che nutrirsi di te, di ciò che hai di meglio, e giorno per giorno ti consuma, ti deruba, finché resti un guscio vuoto cui hanno succhiato i segreti, la linfa, la vita

Frasi di Oriana Fallaci, tratte da “Lettera a un bambino mai nato”

Un libro divisivo in cui la scrittrice ha trattato il tema dell’aborto, della famiglia e dell’amore, edito in Italia nel 1975, “Lettera a un bambino mai nato” è un monologo drammatico di una donna che vive la maternità non come un dovere ma come un atto responsabile. Per chi vuole conoscere qualcosa di più di questo testo profondo e riflessivo, alcuni tra i più interessanti aforismi e le citazioni da “Lettera a un bambino mai nato” di Oriana Fallaci.

  • La libertà è un dovere, prima che un diritto è un dovere. Ma il niente è da preferirsi al soffrire? Io perfino nelle pause in cui piango sui miei fallimenti, le mie delusioni, i miei strazi, concludo che soffrire sia da preferirsi al niente
  • Molte donne si chiedono: metter al mondo un figlio, perché? Perché abbia fame, perché abbia freddo, perché venga tradito e offeso, perché muoia ammazzato dalla guerra o da una malattia? E negano la speranze che la sua fame sia saziata, che il suo freddo sia scaldato, che la fedeltà e il rispetto gli siano amici, che viva a lungo per tentar di cancellare le malattie e la guerra
  • Nulla minaccia la tua libertà quanto il misterioso trasporto che una creatura prova verso un’altra creatura, a esempio un uomo verso una donna, o una donna verso un uomo. Non vi sono cinghie né catene né sbarre che ti costringano a una schiavitù più cieca, a un’impotenza più disperata
  • Una volta nato non ti dovrai scoraggiare, dicevi: neanche a soffrire, neanche a morire. Se uno muore vuol dire che è nato, che è uscito dal niente, e niente è peggiore del niente: il brutto è dover dire di non esserci stato
  • Essere donne è una scuola di sangue: tutti i mesi offriamo a noi stesse il suo spettacolo odioso
  • Il nostro è un mondo fabbricato dagli uomini per gli uomini, la loro dittatura è così antica che si estende perfino al linguaggio. Si dice uomo per dire uomo e donna, si dice bambino per dire bambino e bambina, si dice figlio per dire figlio e figlia, si dice omicidio per indicar l’assassinio di un uomo e di una donna
  • Il peccato non nacque il giorno in cui Eva colse una mela: quel giorno nacque una splendida virtù chiamata disubbidienza
  • È una bestia che sta sempre in agguato, la viltà. Ci morde tutti, ogni giorno, e son pochi coloro che non si lasciano sbranare da lei
  • Mai due estranei legati allo stesso destino furono più estranei di noi. Mai due sconosciuti uniti nello stesso corpo furono più sconosciuti, più lontani di noi
  • La vita è una tale fatica, bambino. È una guerra che si ripete ogni giorno, e i suoi momenti di gioia sono parentesi brevi che si pagano un prezzo crudele
  • Essere mamma non è un mestiere; non è nemmeno un dovere: è solo un diritto tra tanti diritti
  • Se uno muore vuol dire che è nato, che è uscito dal niente, e niente è peggiore del niente: il brutto è dover dire di non esserci stato

Frasi di Oriana Fallaci sull’amore

Un sentimento che unisce, ma anche che limita la propria libertà. Questo era, secondo Oriana Fallaci, l’amore. Una stagione che per un periodo lega due persone, ma poi è destinata a lasciare solo “un mucchio di foglie marce”. Se all’amore viene associata la gelosia, si “avvelena l’intelligenza”. In ogni caso il sentimento deve essere reciproco tra due persone per poter essere vissuto nella sua interezza. Ecco una serie di aforismi e citazioni di Oriana Fallaci sull’amore.

  • Se tu fossi stato con me t’avrei chiesto scusa. Oppure aiuto. Invece non c’eri; incredibile come gli altri manchino sempre nei momenti in cui se ne ha bisogno; passi giorni, mesi, anni interi con qualcuno a cui non hai da dir nulla e nel momento in cui hai da dirgli qualcosa, magari scusami, aiuto, lui non c’è e tu sei solo
  • È la vita. A volte credi che due occhi ti guardino e invece non ti vedono neanche. A volte credi d’aver trovato qualcuno che cercavi e invece non hai trovato nessuno. Succede. E se non succede, è un miracolo. Ma i miracoli non durano mai
  • Tra un uomo e una donna ciò che chiamano amore è una stagione. E se al suo sbocciare questa stagione è una festa di verde, al suo appassire è solo un mucchio di foglie marce
  • Parlo della gelosia che svuota le vene all’idea che l’essere amato penetri un corpo altrui, la gelosia che piega le gambe, toglie il sonno, distrugge il fegato, arrovella i pensieri, la gelosia che avvelena l’intelligenza con interrogativi sospetti, paure, e mortifica la dignità con indagini, lamenti, tranelli facendoti sentire derubato, ridicolo, trasformandoti in poliziotto inquisitore carceriere dell’essere amato
  • Anche un’avventura sentimentale è un amore, comunque un impegno amoroso, un temporaneo legame in contrasto con la tua libertà
  • Non si regala l’anima a chi non è disposto a regalare la sua
  • Non è vero che non credi all’amore. Ci credi tanto da straziarti perché ne vedi così poco e perché quello che vedi non è mai perfetto
  • Al giorno d’oggi ci si prende e ci si lascia con troppa facilità. Si pratica il piacere come uno sport, e il facile gioco dei rapporti amorosi conduce alla dissoluzione del sentimento amoroso
  • La morte di un amore è come la morte d’una persona amata. Lascia lo stesso strazio, lo stesso vuoto, lo stesso rifiuto di rassegnarti a quel vuoto. Perfino se l’hai attesa, causata, voluta per autodifesa o buonsenso o bisogno di libertà, quando arriva ti senti invalido. Mutilato

Frasi di Oriana Fallaci sulla vita

Sicuramente non si può dire che la giornalista toscana non abbia vissuto una vita ricca di esperienze e assaporata in ogni suo attimo. Dura e battagliera, la Fallaci ha attraversato momenti carichi di successi, ma anche altri di delusione, fallimenti e dolori. In ogni caso, è stata una donna che ha sempre lottato per le sue idee e rischiato tanto per ottenere ciò che voleva. Qui una selezione di frasi e citazioni di Oriana Fallaci sulla vita.

  • La vita ha 4 sensi: amare, soffrire, lottare e vincere. Chi ama soffre, chi soffre lotta, chi lotta vince. Ama molto, soffri poco, lotta tanto, vinci sempre
  • Cultura significa anzitutto creare una coscienza civile, fare in modo che chi studia sia consapevole della dignità. L’uomo di cultura deve reagire a tutto ciò che è offesa alla sua dignità, alla sua coscienza. Altrimenti la cultura non serve a nulla
  • Nella Vita e nella Storia vi sono casi in cui non è lecito aver paura
  • Il Futuro è un’ipotesi, una congettura, una supposizione, cioè una non-realtà. Tutt’al più, una speranza alla quale tentiamo di dar corpo coi sogni e le fantasie
  • La gente fa sempre così. Rimpiange il passato come se il passato equivalesse al concetto del bene e odia il presente come se il presente equivalesse al concetto del male: volutamente ignorando che nel passato facevan lo stesso
  • Niente è più difficile della libertà: la libertà di durare fatica, la libertà di non vivere morti
  • Inaridisce, la delusione. Demolisce. Sia che te la imponga un individuo o un gruppo, sia che te la infligga una speranza o un’idea, t’annienta
  • La vita non è uno spettacolo muto o in bianco e nero. È un arcobaleno inesauribile di colori, un concerto interminabile di rumori, un caos fantasmagorico di voci e di volti, di creature le cui azioni si intrecciano o si sovrappongono per tessere la catena di eventi che determinano il nostro personale destino
  • Per non assuefarsi, non rassegnarsi, non arrendersi, ci vuole passione. Per vivere ci vuole passione

Frasi di Oriana Fallaci più celebri e belle

Non solo donne, amore e vita, la scrittrice ha ampiamente parlato anche di libertà, giustizia, verità. Spirito battagliero, sono tanti i versi che mostrano come la giornalista fosse una personalità determinata ed estremamente coerente con le sue convinzioni. Di seguito, alcune tra le più belle frasi di Oriana Fallaci con citazioni e aforismi.

  • Non si fa il proprio dovere perché qualcuno ci dica grazie… lo si fa per principio, per se stessi, per la propria dignità
  • Come un legno che va alla deriva, incapace d’opporsi alla corrente del fiume, ignaro se l’acqua lo scaglierà sulla sponda o lo trascinerà fino al mare, così me ne andavo nella tua esistenza durante quell’autunno. La mia battaglia contro l’amore, il cancro, era ormai perduta
  • Non chiedere chi ha vinto: non ha vinto nessuno. Non chiedere chi ha perso: non ha perso nessuno. Non chiedere a cosa è servito: non è servito a nulla. Fuorché ad eliminare cinquemila creature fra i diciotto e i trent’anni
  • Ogni oggetto sopravvissuto al Passato è prezioso perché porta in sé un’illusione di eternità. Perché rappresenta una vittoria sul Tempo che logora e appassisce e uccide, una sconfitta della Morte
  • Il poeta ribelle, l’eroe solitario, è un individuo senza seguaci: non trascina le masse in piazza, non provoca le rivoluzioni. Però le prepara
  • Agli uomini non interessa né la verità, né la libertà, né la giustizia. Sono cose scomode e gli uomini si trovano comodi nella bugia e nella schiavitù e nell’ingiustizia. Ci si rotolano come maiali
  • L’abitudine è il più spietato dei veleni perché entra in noi lentamente, silenziosamente, cresce a poco a poco nutrendosi della nostra inconsapevolezza, e quando scopriamo d’averla addosso ogni fibra di noi s’è adeguata, ogni gesto s’è condizionato, non esiste più medicina che possa guarirci
  • L’ironia è facile, la fede difficile, e nessuno si fa beffe di te se ironizzi, tutti son pronti a schernirti se reciti un atto di fede
  • L’intelligenza non serve per fare i capi di Stato. La dote che conta, nei capi di Stato, è la forza. Il coraggio, l’astuzia, e la forza
  • Non è l’atto di scrivere che fa lo scrittore: semmai è il modo in cui lo scrittore scrive
  • Vi sono momenti, nella vita, in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo. Un dovere civile, una sfida morale, un imperativo categorico al quale non ci si può sottrarre