La farfalla e il calabrone: l’amore irragionevole di Italo Calvino e Elsa De’ Giorgi

"Dovremmo cercare di proiettare su di esso le luci migliori, perché ci soccorra sempre. Sarà anche l’unico modo che abbiamo di non riprendere a farci del male, so che per questo ci sarà un tributo di dolore da pagare"

Ma come possono amarsi una farfalla e un calabrone? Probabilmente in maniera folle e irragionevole, impossibile, come Italo Calvino ed Elsa De' Giorgi hanno fatto. Perché ci hanno provato tanto, forse troppo, a sincronizzare il loro volo per proseguire insieme, ma non ce l'hanno fatta come ricorda lo scrittore: “Ma certo il tuo ritmo è ritmo di farfalla solare e flessuosa, il mio è ritmo di calabrone che fa vibrare le sue elitre cartacee e nere come l’inchiostro”.

Registrati a DiLei per continuare a leggere questo contenuto

Bastano pochi click (ed è totalmente gratuito)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La farfalla e il calabrone: l’amore irragionevole di Italo Calvi...