Come prendersi cura delle piante da interno

Scopri le regole da seguire per curare e far vivere rigogliose le tue piante da interno e da appartamento

Foto di Daniela Iniziato

Daniela Iniziato

Web writer / Copywriter

Sono Daniela, web writer freelance. Scrivo articoli SEO, testi per siti internet, social e altro. Vivo scrivendo per realizzare la mia idea di libertà.

Le piante da interno dovrebbero essere un elemento essenziale di ogni casa. Il verde delle piante illumina gli spazi interni ed è risaputo che agisce positivamente sull’umore.

Le piante da interno, se ben curate, migliorano l’atmosfera di una casa o di qualsiasi altro luogo chiuso. Non solo fanno sembrare un posto più accogliente, ma alcune specie hanno anche il pregio di purificare l’aria, per cui sono adatte anche nei luoghi di lavoro in cui è necessario mantenere la concentrazione.

Le piante da interno sono un’ottima opzione per coloro che hanno poco spazio sul balcone, o magari non ne hanno affatto. Poiché non necessitano di molte cure, questo tipo di vegetazione è anche facile da gestire e da mantenere tutto l’anno e con ogni tipo di clima.

Quindi, se sei alle prese con le piante d’appartamento per la prima volta, i nostri consigli ti saranno sicuramente utili per capire come fare in modo che il tuo angolo verde in casa cresca sano e rigoglioso.

Quali sono le piante da interno facili da curare

Le migliori piante da interno a bassa manutenzione richiedono solo pochi minuti di attenzione ogni settimana per prosperare. In cambio, migliorano il nostro umore e purificano l’aria che respiriamo. Sembra un buon compromesso, no?

E poi c’è un ulteriore vantaggio: le piante da interno portano stile a un interno. Troverai di sicuro qualcosa che si adatta al tuo appartamento, all’ufficio o al negozio.

Ma attenzione! Se hai animali domestici in casa, considera che alcune piante potrebbero provocare loro allergia o addirittura essere tossiche. Chiedi al tuo vivaista di fiducia quali sono quelle innocue, per evitare problemi ai tuoi amici a quattro zampe.

Le piante da interno più comuni sono quelle che appartengono a queste famiglie:

  • Aglaonema
  • Dracene
  • Felci
  • Filodendri
  • Palme
  • Pothos
  • Spatifillo
  • Piante grasse

Piante da interno che purificano l’aria

Non tutte le case permettono una costante aerazione degli interni. Questo significa che tante volte, soprattutto in inverno quando non teniamo le finestre aperte per molto tempo, negli spazi interni potrebbero accumularsi eccessiva anidride carbonica e polveri che sono causa anche di problemi di salute come l’asma o il mal di testa.

Anche gli arredi moderni, i materiali da costruzione sintetici e persino i tappeti possono dare problemi a causa delle sostanze chimiche che rilasciano nell’aria. In più, tappeti e tessuti sono i migliori accumulatori di polvere e fumi.

Da tempo si è scoperto che le piante d’appartamento possono assorbire le tossine nocive dall’aria, specialmente in spazi chiusi con poco flusso d’aria. Anche se le piante hanno meno potenza rispetto ai purificatori d’aria, di buono hanno che sono più naturali, convenienti e terapeutici.

Per questo, gli esperti raccomandano di tenere due o tre piante in vasi da 20/25 cm ogni 10 metri quadrati. Alcune piante da interno hanno una maggiore capacità di purificare l’aria rispetto ad altre. Ecco quali scegliere:

  • Falangio (Chlorophytum comosum)
  • Dracene
  • Pothos (Epipremnum aureum)
  • Crisantemi (Chrysanthemum morifolium)

Piante da interno: le migliori se c’è poca luce

Le piante da interno che necessitano di poca luce potrebbero essere adatte a luoghi in cui la luce è più debole o in quegli ambienti che restano più spesso al buio, come ad esempio gli uffici. Alcune piante che richiedono poca luce sono:

  • Filodendro, una pianta da interno molto comune che attira raramente parassiti. È una pianta generosa che si adatta a vari ambienti;
  • Pothos o Edera del diavolo: una pianta con foglie colorate e vivaci. Si comporta benissimo in una varietà di ambienti, prosperando in condizioni di scarsa illuminazione così come in condizioni di luce intensa e indiretta.
  • Dracena. Questa è un’altra popolare pianta da interno con lunghe foglie verdi.
  • Giglio della pace: questa pianta prospera meglio quando il terreno è umido, ma non troppo. I fiori del giglio della pace appaiono proprio quando è tenuta in una stanza più buia.

Come curare le piante da interno

Quando acquisti una pianta da appartamento, prima di tutto assicurati che ci sia l’etichetta che ti indica la manutenzione necessaria e dove posizionarla al meglio (alla luce, all’ombra, in una zona aerata ecc.).

In mancanza, fai tutte le domande necessarie al vivaista che di sicuro saprà consigliarti. Controlla che la pianta sia già in un vaso con fori alla base, altrimenti le radici ammuffiscono e sarà difficile che sopravviva.

A parte questo, le piante da interno richiederanno acqua quanto basta, una pulizia occasionale delle foglie e una o due gocce di fertilizzante in primavera o in estate, e puoi sicuramente aspettarti un fogliame felice e sano per gli anni a venire.

Come innaffiare le tue piante da interno

Le piante d’appartamento hanno necessità di irrigazione leggermente diverse l’una dall’altra. Inoltre, bisogna anche stare attenti a dove vengono tenute, al modo in cui crescono e alle diverse stagioni.

Per non sbagliare e per avere vita facile, è meglio annaffiare in base alle necessità piuttosto che secondo un programma di calendario prestabilito. In generale, le piante che crescono in un terreno ben drenato e in un vaso di dimensioni adeguate dovrebbero essere annaffiate quando la parte superiore del terreno si sente asciutta.

Cactus e piante grasse hanno bisogno di meno acqua rispetto alle piante da fiore. Ricorda che l’eccesso di acqua è una delle cause più comuni di morte delle piante d’appartamento. Se non sei sicuro di quanto annaffiare, è meglio dare meno acqua piuttosto che troppa, e nel caso aumentare le dosi.

Come fertilizzare le piante d’appartamento

Come per l’irrigazione, non c’è una regola aurea per sapere quanto concimare: dipende dal modo in cui cresce la pianta, dalla sua età e dal periodo dell’anno. La maggior parte delle piante d’appartamento ha uno scatto di crescita in primavera e in estate, quindi, se necessario, questo è il momento migliore per concimare.

Come per l’eccessiva acqua, è importante anche evitare di concimare troppo le piante d’appartamento. Troppo fertilizzante può bruciare le radici e bloccarne la crescita.

Per le varietà da fiore, usa un fertilizzante in cui azoto, fosforo e potassio sono relativamente uguali. Questo perché se il contenuto di azoto è troppo alto, la pianta potrebbe tirare fuori molte foglie, ma pochi fiori.

Dividi le piante d’appartamento quando necessario

Diversi tipi di piante d’appartamento sopravvivono meglio se ottengono più spazio di tanto in tanto. Dividere le piante troppo cresciute in più vasi aiuta a ringiovanirle e incoraggia rami e foglie fresche a crescere. Inoltre, è anche un modo economico per realizzare più piante da quelle che hai già.

Alcune piante d’appartamento, come le bromelie, fanno ciclicamente nuovi germogli alla base della pianta, che puoi dividere e mettere in nuovi vasi. Le piante d’appartamento rampicanti come il filodendro e il pothos, invece, formano nuove radici nel terreno che puoi separare per far nascere nuove piante.

Inoltre, alcune specie possono radicare anche da una sola foglia: basta mettere l’estremità del gambo in un po’ d’acqua per un paio di settimane e vedrai germogliare nuove piantine.

Quando rinvasare le piante d’appartamento

Come capire se le tue piante d’appartamento hanno bisogno di essere rinvasate? Controlla le radici. Se queste circondano tutto l’interno del vaso, potrebbe essere il momento di dargli spazio.

Se la pianta è diventata troppo grande per il suo vaso, puoi trapiantarla in un altro leggermente più spazioso. Se, invece, desideri tenerla nello stesso contenitore, taglia alcune delle radici con delle forbici affilate e sterilizzate e ripiantala usando terriccio fresco.

La primavera e l’estate sono le stagioni migliori per rinvasare le piante d’appartamento e, se necessario, dividerle in più vasi.

Rimuovi la polvere dalle piante

Le piante d’appartamento, inevitabilmente, accumulano polvere sulle foglie. Lavale ogni tanto con una acqua a temperatura ambiente o spolverale con una spazzola morbida se le piante hanno foglie pelose.

Per le piante con foglie lisce, puoi anche usare un panno per rimuovere delicatamente la polvere che si accumula sulle foglie. Questo non solo migliora l’aspetto della tua pianta, ma le aiuterà anche ad assorbire più luce.

Quando potare le piante d’appartamento

Puoi potare in qualsiasi momento dell’anno, ma l’autunno è un momento migliore dopo un’estate di crescita. Le piante d’appartamento vanno potate di tanto in tanto per farle crescere meglio e impedire che diventino troppo grandi.

La potatura è efficace anche per incoraggiare a crescere di più le piante rampicanti come l’edera svedese e il pothos, soprattutto se noti che sono diventate spoglie alla base.

I tagli vanno fatti appena sopra le gemme o i germogli laterali di uno stelo. È qui che inizierà la nuova crescita. Approfitta anche per rimuovere eventuali foglie e steli morti o malati.

Già che ci sei, assicurati di rimuovere le foglie appassite. Usa un potatore manuale a lama stretta o forbici affilate per fare un taglio netto senza strappare il gambo della pianta.

È una buona idea pulire le lame dei tuoi potatori con alcool denaturato prima di passare a una pianta diversa per evitare di diffondere parassiti e malattie.

Controlla i parassiti degli insetti

Le piante d’appartamento sono comunemente attaccate da insetti più o meno innocui. Se riscontri questo problema, un normale prodotto insetticida sarà sufficientemente efficace per la maggior parte dei parassiti come afidi e acari.

L‘alcool denaturato è efficace sugli insetti con squame e cocciniglie, tamponato con un batuffolo di cotone. I moscerini dei funghi sono minuscole mosche nere che ronzano nel terreno e un comune parassita delle piante d’appartamento, sebbene siano spesso confuse con i moscerini della frutta.

Di solito vedi moscerini dei funghi quando le piante sono troppo annaffiate. Lascia asciugare la superficie del terreno tra un’annaffiatura e l’altra e assicurati di eliminare le foglie morte sulla superficie del terreno. In casi estremi, potresti provare a rinvasare la tua pianta in un terreno fresco e un contenitore pulito.