Come realizzare un acchiappasogni in casa

Il dreamcatcher ha origine dagli Indiani di America: se ne vuoi uno, originale e unico, scopri come realizzare un acchiappasogni fai da te

Nato come amuleto delle antiche tribù Cheyenne e Lakota, grazie agli incantesimi protettivi delle ‘ragnatele’, l’acchiappasogni veniva realizzato con materiali naturali come legno di salice o vite, piume di uccello, cordini vegetali o di pelle, perle e sassi di fiume, ciascuno disposto in modo sempre diverso.
Che abbiano o no il potere di intrappolare nei fili i brutti sogni e di far passare dal foro centrale solo i pensieri positivi, gli acchiappasogni hanno comunque viaggiato nel tempo e nello spazio per arrivare in altre culture. Il loro fascino è rimasto intatto ed è piuttosto comune trovarli nelle abitazioni poste a varie latitudini, come oggetto decorativo, ma anche come spunto di racconti per i bambini. Vediamo quindi come procedere per creare un acchiappasogni fai da te per la tua casa.

Creare un acchiappasogni fai da te facile: cosa serve?

Gli oggetti che servono per costruire un acchiappasogni fai da te sono di facile reperibilità. Qui sotto troverai elencati quelli da utilizzare per realizzare un modello base:

  • un pezzo di fil di ferro
  • un rotolino di nastro
  • un gomitolo di filo di cotone o di lana (colore a scelta)
  • nastro adesivo
  • 1 perlina
  • 1 piuma

I materiali sopra elencati possono essere sostituiti con altri più naturali, come ad esempio un rametto di legno non rigido da ammorbidire in acqua, uno scampolo di pelle scamosciata, sassolini colorati e tutto ciò puoi immaginare e che la struttura del tuo acchiappasogni è in grado di reggere.

Come costruire un acchiappasogni per bambini

Gli acchiappasogni esercitano un richiamo universale, al quale in pochi sanno resistere. I bambini in particolare dimostrano di apprezzare le forme, i colori e soprattutto le storie legate al ‘potere magico’ di questi oggetti. Costruire un acchiappasogni fai da te con i bambini può essere un ottimo passatempo e anche un modo per abituarli a non avere paura del buio. Mentre ci dedichiamo insieme a questa attività manuale, raccontiamo loro la leggenda indiana sui brutti sogni che restano imprigionati nella rete e che vengono cacciati nell’aria rappresentata dalla leggerezza della piuma. Infine posizioniamo l’acchiappasogni vicino al loro lettino, facendoli sentire al sicuro e protetti. Cominciamo, mettendoci al lavoro.

  • Formiamo un cerchio con il filo di ferro (oppure con il legno) e blocchiamolo con il nastro adesivo. Per quanto riguarda le dimensioni iniziamo da un diametro medio: gli indiani prendevano come metro di misura la mano di un adulto.
  • Rivestiamo l’anima di ferro/legno con il tessuto.
  • Immaginiamo 12 punti sul cerchio (più o meno equidistanti) e con il filo facciamo un nodo su ognuno di essi. A questo punto abbiamo finito il primo giro.
  • Proseguiamo facendo altri nodi al centro di ciascuna sezione formata sul filo dai nodi del primo giro. E procediamo così per almeno 6/8 giri, come vuole la tradizione. Possiamo farne di più o di meno a seconda dello spessore del materiale del filo utilizzato.
  • Quando siamo all’incirca a metà della ragnatela, possiamo inserire l’elemento decorativo, per esempio la perlina, per poi proseguire fino a quando il filo termina nella parte inferiore dell’oggetto, in modo tale da legarlo alla piuma colorata.

3 consigli per originali acchiappasogni con materiale di riciclo

Se ti piace riciclare e dare nuova vita agli oggetti e agli elementi naturali, l’acchiappasogni è l’oggetto ideale per dare sfogo alla fantasia. È possibile creare acchiappasogni fai da te con conchiglie, con piccole pietre e con vecchie monetine: il limite alla tua immaginazione è dato soltanto dalla lunghezza e dalla resistenza del filo. Sarà sufficiente seguire dei piccoli accorgimenti per realizzare un acchiappasogni in casa, assolutamente originale:

  1. Il disegno non deve essere perfetto: non è necessario misurare esattamente, perché lo schema disordinato caratterizzerà l’unicità del tuo acchiappasogni.
  2. Ricorda di fissare la fine del filo della ragnatela con un nodo, oppure con la colla a caldo/nastro adesivo: l’intero procedimento deve essere eseguito con il filo integro, che non dovrà mai essere tagliato, né spezzato.
  3. Gli elementi decorativi sono del tutto personalizzabili: puoi anche sostituire le perline con nastri colorati da legare con un nodino, così da creare un mix divertente fra l’acchiappasogni indiano e le bandiere tibetane.

Creare un acchiappasogni

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come realizzare un acchiappasogni in casa