Perché mangiare velocemente fa male alla salute

Mangiare velocemente incide sulla digestione, sul peso e anche sul benessere del cuore. Attenzione dunque a dedicare a questa attività il tempo necessario.

Sempre di corsa per i tanti impegni della giornata, sono molte le persone che mangiano velocemente magari anche in piedi o davanti al computer. Questa cattiva abitudine è però molto rischiosa.

La fretta provoca problemi digestivi
Mangiare velocemente ha un effetto negativo sulla digestione. La masticazione infatti ha un ruolo fondamentale, è in bocca che inizia il processo digestivo. Se arrivano nello stomaco alimenti di dimensioni non abbastanza ridotte, lo svuotamento gastrico si prolungherà, lo stomaco sarà appesantito e affaticato, la digestione sarà lenta e complicata. Se poi si digerisce male la cena, si avranno degli effetti negativi anche sulla qualità del sonno, con tutti i disturbi che dormire male comporta.

Mangiare rapidamente incide su peso e salute
Una ricerca presentata durante le Scientific Sessions 2017 della Heart Association che si sono svolte a Anaheim, in California, mette in guardia dai rischi di mangiare rapidamente. Quella che sembra solo una cattiva abitudine ha delle pesanti conseguenze sul girovita e sul cuore. Lo studio ha preso in considerazione un campione di persone in perfetta salute, formato da 642 uomini e 441 donne aventi un’età media di 51 anni. Il campione è stato suddiviso in tre gruppi: chi mangiava rapidamente, chi a una velocità media, chi lentamente. Dopo 5 anni le persone del primo gruppo risultavano essere ingrassati, in particolare sull’addome, e avevano la glicemia a digiuno superiore rispetto a chi apparteneva al secondo e al terzo gruppo. Secondo la ricerca, chi mangia di fretta ha inoltre una maggiore probabilità di soffrire di sindrome metabolica, con più fattori di rischio, come pressione e glicemia alta, trigliceridi e colesterolo in eccesso, sovrappeso.

Quanto lentamente bisogna mangiare?
Mangiare lentamente dovrebbe quindi essere la regola per chi non vuole compromettere il suo stato di salute e desidera restare in forma. Per farlo, bisogna masticare a lungo prendendosi tutto il tempo che serve. Questo perché, oltre ad aiutare la digestione, il cervello recepisce il senso di sazietà con circa 20 minuti di ritardo, per cui mangiando velocemente si rischia di superare abbondantemente il quantitativo di cibo che il corpo realmente necessita. Volendo quantificare potremmo dire che a pranzo e cena dovrebbe essere dedicata un’ora rispettivamente, alla colazione invece bisognerebbe concedere almeno mezz’ora.

Perché mangiare velocemente fa male alla salute