Occhio ai prodotti erboristici: possono interferire coi farmaci

Uno studio lancia l’allarme: se state assumendo dei farmaci, evitate i prodotti erboristici, potrebbero interferire con i medicinali e compromettere il trattamento.

I risultati di una ricerca effettuata da un team di farmacisti dell’Università di Stellenbosch, in Sud Africa, mettono in guardia dall’uso di rimedi erboristici quando si stanno assumendo farmaci: ci sono interazioni ed effetti indesiderati.

L’allerta riguarda principalmente le persone che soffrono di patologie cardiocircolatorie, tumori, depressione, AIDS o ha avuto un trapianto d’organo. Per quel che riguarda le prime, gli studiosi hanno riscontrato che in svariati casi con l’uso contemporaneo dell’anticoagulante warfarina ed erbe come iperico, ginseng, succo di goji, salvia, semi di lino, cranberry e camomilla, si creassero delle interferenze che producevano un potenziamento o una riduzione dell’effetto del farmaco. I rischi sono davvero alti: questa interazione può provocare addirittura paralisi o emorragia.

Alcune persone che avevano subito un trapianto di reni e assumevano ciclosporina per evitare il rigetto, hanno avuto dei danni renali per l’interferenza tra il medicinale e rimedi naturali apparentemente innocui come camomilla e curcuma, capaci di inibire il corretto metabolismo del farmaco.

Pazienti oncologici trattati con imatinib o altri medicinali chemioterapici, hanno avuto problemi a fegato, muscoli e sangue, per la contemporanea assunzione di ginseng, echinacea e aronia nera, sempre per un’interferenza che si creava a livello di metabolizzazione delle medicine.

Devono invece stare alla larga dal gingko biloba gli individui che prendono antidepressivi, l’interazione può essere alla base del manifestarsi di convulsioni. Sempre lo stesso rimedio naturale è sconsigliato a chi assume antivirali contro l’Hiv dal momento che ne inibisce l’effetto.

Non resta che fare molta attenzione, parlare con il proprio medico ed evitare di autoprescriversi dei prodotti erboristici. Gli studi in merito dovrebbero continuare ad approfondire la questione in modo che si possa avere un elenco preciso di quali rimedi naturali interagiscono con quali farmaci e che il paziente ne sia a conoscenza perché chiaramente indicato nella posologia e nelle indicazioni per l’uso delle medicine.

Occhio ai prodotti erboristici: possono interferire coi farmaci
Occhio ai prodotti erboristici: possono interferire coi farmaci