Dieta coi semi di chia: controlli il colesterolo e attivi l’intestino

Versatili in cucina e ricchi di principi nutritivi benefici, i semi di chia sono tra i super food più apprezzati

Includere i semi di chia nella propria dieta è un’idea eccellente se si punta a tenere sotto controllo il colesterolo e a ottimizzare l’efficienza dell’attività intestinale. Semi della Salvia Hispanica, pianta appartenente alla famiglia delle Lamiacee, sono considerati dei veri e propri super food.

Il motivo è legato alla presenza di numerose sostanze benefiche per la salute. Tra queste è possibile ricordare i grassi buoni omega 3, noti per la loro carica antiossidante e antinfiammatoria. In virtù della prima proprietà, gli omega 3 sono considerati tra i migliori alleati nella lotta contro il colesterolo cattivo LDL.

Quando si parla dei semi di chia, è necessario chiamare in causa anche la presenza di fibre, la cui assunzione è molto utile ai fini del miglioramento dell’efficienza intestinale e del contrasto alla stipsi. Affinché le fibre esplichino al massimo le loro potenzialità, è importante aggiungere i semi di chia a una bevanda o allo yogurt. In questo modo riescono ad assorbire acqua e a risultare maggiormente funzionali all’ottimizzazione del senso di sazietà, un aspetto fondamentale per il mantenimento del peso forma.

Come già detto, i semi di chia sono ricchi di numerose sostanze nutritive importanti per la salute. Da ricordare a tal proposito è la presenza di altri portentosi antiossidanti naturali ,ossia la vitamina C e la vitamina A.

Degno di nota è anche il contenuto di sali minerali. Tra questi è possibile includere il calcio, fondamentale per la salute delle ossa, ma anche il fosforo, il magnesio e il potassio, cruciale per il mantenimento dell’efficienza delle fibre dei muscoli, comprese quelle del cuore.

Disponibili tutto l’anno, i semi di chia non hanno particolari controindicazioni. Oggi come oggi, in letteratura medica non sono state riscontrate evidenze in merito a una loro interazione con determinati farmaci (prima di introdurli nella dieta, è comunque consigliabile chiedere consiglio al proprio medico curante). Come evidenziato dagli esperti di Humanitas, i semi di chia favoriscono anche il buon funzionamento del metabolismo.

Abbiamo poco fa citato la possibilità di consumarli nello yogurt o aggiunti a bevande come il latte vegetale. Le alternative per introdurli nella dieta non finiscono certo qui! I semi di chia possono essere infatti utilizzati negli impasti per il pane e la focaccia, aggiunti a una gustosa insalata mista o inclusi tra gli ingredienti delle polpette vegane.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta coi semi di chia: controlli il colesterolo e attivi l’inte...