Epilatore elettrico: tutti i consigli per usarlo correttamente

L’epilatore elettrico è una soluzione rapida ed efficace per rimuovere i peli, ma come usarlo per un risultato ancora più a lunga durata?

Camilla Cantini Beauty blogger

In questo periodo in cui in tante regioni non è possibile recarsi presso i centri estetici, si cercano mezzi per poter replicare trattamenti a casa, in sicurezza. Per rimuovere i peli da soli, uno strumento che arriva in nostro aiuto è l’epilatore elettrico, più facile da utilizzare rispetto alla cera e con meno rischi. Ci sono però alcune accortezze e consigli per epilarsi al meglio ed ottenere una pelle liscia, a lungo. 

Primo step: scegliere l’epilatore elettrico

Esistono diverse tipologie di epilatore elettrico che si adattano alle esigenze di tutte le pelli e non solo. Una prima grande distinzione può essere fatta tra strumenti da utilizzare su pelle asciutta o bagnata, i cosiddetti epilatori water proof.

Gli epilatori elettrici water proof, cioè resistenti all’acqua, possono essere utilizzati anche in doccia o vasca da bagno perché impermeabili al 100%, anche se è comunque consigliabile prediligere un utilizzo a pelle umida. Sono senza fili, con una base di ricarica che ne consente l’utilizzo anche su pelle bagnata, ed è la scelte ideale per chi ha la pelle sensibile o una soglia del dolore più bassa: l’acqua, specie se calda o tiepida, apre i pori della pelle così l’estirpazione del pelo risulterà facilitata. In questo modo la percezione del dolore sarà ridotta e, da non sottovalutare, si eviterà di spezzare i peli, scongiurando così anche la formazione di peli incarniti.

Come preparare la pelle all’utilizzo dell’epilatore elettrico

Per un’epilazione perfetta e che duri a lungo è importante preparare la pelle prima di utilizzare un epilatore elettrico. Così come per la ceretta, è buona regola effettuare uno scrub uno o due giorni prima, in modo da eliminare le cellule morte e, anche in questo caso, ridurre le probabilità di comparsa dei peli incarniti. Così facendo le pinzette motorizzate riusciranno a togliere completamente il pelo dalla radice, senza lasciare piccoli frammenti sotto pelle. Esistono scrub in commercio per ogni tipo di pelle, anche sensibile, ma sono facili da realizzare anche a casa ad esempio con olio di oliva e sale o zucchero o si possono utilizzare i guanti esfolianti in crine. I modelli più recenti di epilatore elettrico, tra l’altro, hanno spesso testine intercambiabili con in dotazione anche accessori esfolianti, in modo da avere un unico prodotto multifunzione, che faccia risparmiare tempo e spazio.

Clicca qui per scoprire la gamma di epilatori elettrici con testine interscambiabili, per ottenere il massimo da un unico dispositivo

Scrub e pulizia della pelle sono quindi i primi step fondamentali prima di procedere con l’epilazione: una pelle detersa, infatti, eviterà infiammazioni, proliferazione batterica e comparsa di follicoliti e peli sotto pelle. Attenzione però a non utilizzare creme e sostanze oleose prima di passare gli epilatori elettrici: piuttosto, ricordate di idratare la pelle nei giorni precedenti.

Prima di mettere in funzione l’epilatore elettrico, poi, valutate se è il caso di accorciare i peli. Se troppo lunghi, infatti, è facile che si spezzino perché vengono strappati troppo superficialmente. Questo inoltre aumenta il dolore, perché bisognerà ripassare più e più volte l’epilatore fino alla completa rimozione dalla radice. In caso di peli più lunghi di circa 5mm utilizzate un rasoio trimmer, come quello per fare la barba, non una lametta classica perché i peli dovranno comunque fuoriuscire alla pelle per essere intrappolati dalle pinzette. Molti modelli di epilatori elettrici forniscono anche una testina con rasoio trimmer, da passare prima di iniziare l’epilazione proprio per regolare ed aggiustare la lunghezza di tutti i peli, rendendola omogenea.

Altro consiglio prima di cominciare è quello di scegliere un luogo tranquillo, dove non si venga disturbati ma, soprattutto, che abbia una buona illuminazione. In questo modo sarà più facile vedere tutti i peli e l’epilazione sarà più veloce. Se è presente uno specchio ancora meglio, in modo da aiutarvi nelle zone in cui non riuscite a vedervi autonomamente, anche uno da tavolo andrà bene per rifinire le parti posteriori del corpo. Un buon momento è, ad esempio, la sera, magari dopo una doccia calda, in modo da aprire i pori. In questo modo, poi, un leggero arrossamento, irritazione o la presenza di puntini (normalissima dopo l’epilazione), avrà tempo durante la notte di scomparire. È sempre meglio, infatti, evitare di depilarsi prima di un appuntamento, specie se dovrete indossare abiti che lasciano scoperte le gambe. Non solo per una questione estetica, ma anche perché la pelle è più sensibile e potrebbe irritarsi ancora di più.

Epilazione facile e veloce con questi consigli

Ora che la pelle è pronta è arrivato il momento dell’epilazione vera e propria. Molti modelli di epilatore consentono di impostare una velocità, da scegliere in base alla zona da epilare. Esistono poi epilatori con testine intercambiabili da poter utilizzare anche in zone sensibili o più ristrette, come inguine, viso e ascelle. Importantissima è la posizione in cui si utilizza l’epilatore, per evitare di spezzare i peli: deve essere passato contropelo, perpendicolare alla superficie da epilare. Ad esempio, per i polpacci si parte dalla caviglia e si prosegue salendo verso il ginocchio. Per le zone più sensibili, ad esempio l’inguine, l’interno coscia e il retro del ginocchio, ricordatevi di tendere la pelle per un risultato ancora più preciso e meno doloroso. Evitate di esercitare troppa pressione sia per non irritare la pelle sia perché questo bloccherebbe le pinzette, che non sarebbero più in grado di strappare correttamente il pelo. In linea di massima, per la zona del polpaccio, dovreste impiegare almeno 15/20 secondi per passare l’epilatore dalla caviglia al ginocchio, ripetendo poi l’operazione su tutta la gamba fino ad averla ultimata.

Attenzione al post epilazione, da non sottovalutare

Una volta finito, ci sono dei piccoli accorgimenti da rispettare per evitare di prolungare la normale irritazione, che comunque tende a sparire dopo poche ore. Come prima cosa applicate una crema o lozione lenitiva, senza alcool che contenga aloe, camomilla, lavanda, tea tree o comunque ingredienti che aiutino a sfiammare, ridurre il prurito e idratino in profondità la pelle.

È sconsigliato prendere il sole subito dopo l’epilazione, per evitare di macchiare la pelle, meglio utilizzare anche una crema solare protettiva (che andrebbe applicata sempre, specie su viso, anche in città e in inverno). Importante poi, per le epilazioni successive, evitare di far ricrescere i peli troppo lunghi e soprattutto pulire sempre accuratamente il vostro epilatore elettrico, per evitare proliferazione batterica.

Come pulire un epilatore elettrico senza danneggiarlo?

Pulire un epilatore non è difficile, soprattutto se fatto ogni volta che lo utilizzate, così facendo sarete sicuri di ritrovarlo pronto per il prossimo utilizzo. Come prima cosa, se alimentato, staccatelo dalla corrente, poi passate la spazzolina in dotazione (o con una dalle setole morbide, ad esempio quelle per pulire le unghie) tra le pinzette e le parti della testina, che potete anche staccare dall’apparecchio, per pulire anche il retro. Lavate poi la testina (staccata dal corpo) con acqua e sapone neutro o shampoo per capelli delicato, in modo da eliminare residui batterici. Asciugatela scuotendola per eliminare l’eccesso di acqua e poi con un panno liscio, per evitare che pelucchi e pezzetti di tessuto si incastrino tra le pinzette, step importante perché altrimenti le parti metalliche potrebbero arrugginirsi.

 

In caso di acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, Italiaonline potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Epilatore elettrico: tutti i consigli per usarlo correttamente