Come sopravvivere in ufficio

Secondo lo psicologo Matteo Marini proteggersi dallo stress e dall’ansia della vita d’ufficio è possibile e spiega come fare nel suo ultimo libro, Fucking Monday. Corso di sopravvivenza in ufficio. L’importante è conoscere le dinamiche relazionali e non cedere a vessazioni e manipolazioni.

Ansia, stress, mobbing, burn-out sono segnali di pericolo per se stessi e specchio di un mondo del lavoro sempre più difficile. Per affrontarlo c’è bisogno di informazioni chiare e di strumenti che, senza banalizzare, riconducano i problemi alla loro natura e dimensione reale.

Con il suo stile ironico e informale, Matteo Marini spiega i meccanismi complessi utilizzati per mettere in difficoltà le persone. Congegni a volte infernali che rendono invivibile il luogo di lavoro, appestano il clima organizzativo, minano l’efficienza del lavoro di gruppo e dei singoli e intrappolano le persone in dinamiche relazionali apparentemente senza uscita.

"La logica ‘divide et impera’ non crea certo lavoratori motivati o soddisfatti del proprio lavoro, ma solo una serie di soggetti isolati" scrive lo psicologo nel suo libro "E un pessimo ambiente di lavoro determina turnover elevato, scarsa redditività, malattie, …". 

Nel libro si consiglia, prima di tutto, di riconoscere le dinamiche esistenti in ufficio per poi agire di conseguenza. A seconda delle dimensioni dell’azienda, la strategia può cambiare di molto. Bisogna poi analizzare il clima interno: la leadership, il livello di autonomia, la qualità dei rapporti con i colleghi, il lavoro in team, la comunicazione, riconoscimenti e incentivi, la chiarezza del proprio ruolo, i rapporti con i superiori. Avere a che fare con un capo insicuro e ansioso, per esempio, piuttosto che con un capo troppo autoritario può fare davvero la differenza.

E’ necessario non cedere a vessazioni e manipolazioni da parte di colleghi e superiori ritrovando il proprio equilibrio. E senza dimenticare che il lavoro non è tutto, e quindi avere sempre ben presente quanto sia importante riuscire a preservare i rapporti affettivi significativi, come è ben spiegato in un apposito capitolo del libro.
 

Come sopravvivere in ufficio