La cosa peggiore nella vita è doversi difendere da chi consideravamo amico

La vita può metterci di fronte a sfide complicate: doversi difendere da chi consideravo amico è una esperienza dolorosa

La vita ha posto spesso sul mio cammino persone da cui difendermi: uomini sbagliati, colleghi invidiosi e supponenti, e soprattutto amici che non si sono dimostrati tali. Doversi proteggere da chi consideravo al pari di una sorella credo sia stata una delle esperienze peggiori della mia vita.

Con lei ho condiviso così tanto che elencare tutto quello che abbiamo fatto insieme sarebbe impossibile. Un rapporto nato, come spesso accade, tra i banchi di scuola, che col tempo è cresciuto e si è nutrito di quell’affetto puro e sincero che solo le amicizie che hanno visto la luce nell’adolescenza possono avere.

Ho trascorso con lei le giornate più divertenti della mia vita: le vacanze al mare, gli aperitivi tra chiacchiere e risate, le telefonate fino a notte fonda, le confessioni sui primi baci e le prime esperienze, lo shopping selvaggio al centro commerciale, i film al cinema, le visite alle mostre (che forse piacevano più a me che a lei), le serate a casa sul divano a raccontarci (proprio) tutto, sgranocchiando patatine e pop-corn al caramello.

E ovviamente le lacrime, tante, che abbiamo condiviso, quelle per le prime delusioni amorose, per le bocciature agli esami universitari. Sempre insieme, pronte a sostenerci, anche quando nessuna delle due lo chiedeva espressamente: non serviva parlare, bastava guardarsi negli occhi per capire che qualcosa non andava.

Poi tutto è cambiato: nella nostra vita sono entrate nuove persone, sono arrivate le prime storie importanti, e lei si è chiusa a riccio e la distanza ha fatto il resto. Ha smesso di raccontarmi i suoi segreti, di condividere con me le sue passioni, i suoi sogni, i suoi desideri.

È diventata scostante, gelosa delle altre amicizie o del mio fidanzato di turno, sempre pronta a lanciarmi frecciatine, eppure io facevo di tutto per dedicarle le stesse attenzioni di prima. Mi sono ritrovata a dovermi difendere dalla mia migliore amica, a proteggermi dalle sue esternazioni piene di rabbia e risentimento, da colei che ritenevo una sorella.

Mi sono ripetuta tante volte che, se la nostra amicizia è finita, vuol dire che non era così solida come credevo, che il nostro rapporto non era poi così maturo come tutti pensavano. Però, da una delle delusioni più grandi della mia vita, ho imparato una cosa: che nella vita si cambia e spesso non tutti ci seguono nel nostro cammino. I rapporti si evolvono e a volte le circostanze semplicemente allontanano le persone – anche se è l’ultima cosa che vorremmo – ma non per questo cancellano l’affetto che c’è stato.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La cosa peggiore nella vita è doversi difendere da chi consideravamo ...