La mia migliore amica si è trasformata nella mia peggior nemica

La vita può metterci di fronte a sfide molto complicate e dolorose, come quella di doverci difendere da chi aveva promesso di sostenerci e difenderci, da chi consideravamo amico

Foto di Sabina Petrazzuolo

Sabina Petrazzuolo

Lifestyle editor e storyteller

Scrittrice e storyteller. Scovo emozioni e le trasformo in storie. Lifestyle blogger e autrice di 365 giorni, tutti i giorni, per essere felice

Ho incontrato tantissime persone nella vita, e ho imparato a difendermi. L’ho fatto dagli uomini sbagliati, dai colleghi invidiosi e supponenti e anche dagli amici. Ma arrivare a proteggermi da chi consideravo una sorella è stata l’esperienza peggiore della mia vita. Amiche dall’infanzia conosciute tra i banchi di scuola. Un rapporto, il nostro, puro e autentico, fatto di supporto, conforto, dedizione e amore. Abbiamo fatto tutto insieme: vacanze al mare, aperitivi, telefonate fino a tarda notte. Abbiamo pianto e riso insieme. Poi tutto è cambiato: lei è diventata gelosa delle mie amicizie, dei miei fidanzati, ha smesso di chiamarmi, di raccontarsi e di parlarmi se non per aggredirmi, giudicare le mie scelte e mettermi i bastoni tra le ruote. Ora non ci sentiamo quasi più. Credo che ormai la situazione sia irrecuperabile, ma io sto male e non so più davvero che fare.

Amica mia, lasciati abbracciare forte, perché percepisco dalle poche parole di questo tuo racconto che è grande il dolore che porti dentro e che giorno dopo giorno si trasforma in un macigno insopportabile. Credimi quando ti dico che so bene cosa vuol dire lasciare andare qualcuno che amiamo quando intorno a noi ci sono tutta una serie di domande che, probabilmente, non otterranno mai una risposta.

Ci sono ipotesi, pensieri, dubbi e nuovi quesiti che si fondono e si confondono, che ci portano a pensare che forse non abbiamo fatto abbastanza, che ci portano a credere che c’è ancora una speranza. Ma la verità è che a volte le cose accadono e l’unica cosa che ci resta da fare è accettare quello che è stato e andare avanti.

Capisco che è difficile e doloroso, perché tutti ci lasciamo confortare dalla solidità dei legami che creiamo, credendo che niente e nessuno possa mai scalfirli, lacerarli, romperli. Ma la verità è che non esiste una costanza inalterabile nelle relazioni, di qualsiasi entità esse siano, perché nulla è più mutevole di loro.

I rapporti si rafforzano, si indebolisco e cambiano, perché a cambiare sono le persone. E capita più spesso di quanto vorremmo che, camminando su quel percorso che avevamo scelto di condividere, cambiamo la nostra velocità. E senza neanche accorgercene uno è rimasto troppo indietro e l’altro è andato troppo avanti. Succede con l’amore, e accade anche con le amicizie, proprio quelle che erano diventate il nostro rifugio, la famiglia che ci eravamo scelte.

Potrei suggerirti di insistere, di parlare ancora con quell’amica che per tanti anni è stata al tuo fianco, che è diventata una sorella per te, se è questo che vuoi. Ma la verità è che la vita mi ha insegnato che quando qualcosa si rompe, non sempre può essere riparato.

Con questo non ti sto dicendo di buttare via tutti gli anni che avete trascorso insieme, perché la vostra amicizia non sarà mai un oggetto rotto da sostituire. Dico solo che dovresti accettare il fatto che siete cambiate, probabilmente in modi differenti e inaspettati, e avete intrapreso delle strade diverse.

Forse non troverai mai una risposta a tutte quelle domande che attanagliano la tua mente oggi. Ma il consiglio che ti dò è di lasciarle andare, insieme alla tua amica, conservando ciò che è stato in un angolo speciale del tuo cuore. Lì dove nessuno potrà cancellarlo mai, sempre lì dove custodirai i ricordi più importanti della tua vita.