PROMO

Probiotici per cani e gatti: cosa sono e a cosa servono

I probiotici possono contribuire a supportare il benessere gastrointestinale di cani e gatti: ecco cosa sono

Con l’aumentare delle temperature, col cambio di abitudini o in periodi di stress cani e gatti possono soffrire di disturbi intestinali. La chiave per comprendere il loro livello di benessere è osservare i loro comportamenti.

Quali sono i campanelli d’allarme che suggeriscono un problema al tratto gastrointestinale? Riconoscerli è cruciale, ma è ancora più importante sapere quali sono i prodotti disponibili sul mercato che possono supportare la salute dell’animale. In questo contesto, gli alimenti complementari sono un ottimo aiuto. Purina® ha sviluppato Pro Plan® FortiFlora®, un prodotto che contiene un probiotico che aiuta a promuovere il benessere intestinale e l’equilibrio del microbiota, oltre a contribuire al mantenimento in salute del sistema immunitario.

Disturbi gastrointestinali nei cani e nei gatti: come riconoscerli

I disturbi gastrointestinali sono tra i più diffusi in cani e gatti, ma spesso non vengono riconosciuti. Si rischia, così, un peggioramento della situazione. Esistono campanelli d’allarme da non sottovalutare.

Innanzitutto, bisogna osservare la qualità delle feci: se sono poco formate, gelatinose o addirittura liquide potrebbe essere in atto una problematica gastrointestinale, che può avere diverse origini.

Un altro segnale è l’appetito, potrebbe succedere che con l’aumentare delle temperature l’appetito diminuisca; tuttavia, se cala drasticamente occorre verificare con il proprio medico veterinario che non ci sia qualche disturbo sottostante.

L’utilizzo di un probiotico specifico per cani e gatti potrebbe essere un buon supporto per il benessere intestinale. Per procedere è consigliabile consultare sempre prima il proprio medico veterinario, che saprà fornire le giuste indicazioni su tipo di prodotto, dosi e modalità di assunzione.

Il ruolo dei probiotici per il benessere intestinale

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che l’uso di probiotici in cani e gatti può migliorare il benessere del tratto gastrointestinale.

Qui convivono diversi microrganismi, chiamati microbiota intestinale, che contribuiscono anche al mantenimento in salute del sistema immunitario. Inoltre, nel tratto gastrointestinale si trovano il 70% di tutte le cellule immunitarie presenti nel tessuto linfoide associato all’intestino (GALT).

I probiotici sono microrganismi vivi che incoraggiano i batteri benefici a prosperare e scoraggiano la crescita di batteri patogeni.

Il primo studio scientifico relativo all’efficacia di Enterococcus faecium SF68 (NCIMB 10415), il ceppo attivo di Pro Plan® FortiFlora®, risale al 2002 ed è stato condotto da Cavadini e Dowling (Rif: Investigation of health beneficial effects of Enterococcus faecium SF68 – NCIMB 10415 – in dogs. Nestlé Purina internal report).

Dopo 15 anni, sono numerosi gli studi scientifici pubblicati che dimostrano l’efficacia di questo specifico ceppo.

Infatti, non tutti i probiotici sono uguali, e nello specifico Enterococcus faecium SF68 NCIMB 10415, offre molti vantaggi quando assunto per via orale da cani e gatti di tutte le età, a partire dallo svezzamento.

Pro Plan® FortiFlora®: perché affidarsi al probiotico di Purina® Pro Plan®  

La formula di Pro Plan® FortiFlora® supporta il benessere intestinale del cane e del gatto proprio grazie alla presenza del ceppo Enterococcus faecium SF68, che appartiene ad un gruppo di batteri lattici riconosciuti per la loro efficacia come probiotici nell’uomo e negli animali.

Il ceppo attivo in Pro Plan® FortiFlora® è autorizzato in Europa dalla Commissione Europea e può essere somministrato a cani e gatti a partire dallo svezzamento. È caratterizzato da un processo di microincapsulazione e ciò garantisce che i microrganismi arrivino vitali nel tratto intestinale.

Pro Plan® FortiFlora® è disponibile sia in bustina che in versione chew, ossia tavolette masticabili e dal sapore gradevole. Pro Plan® FortiFlora® va utilizzato in aggiunta all’alimento abituale del cane o del gatto e non va quindi a sostituirsi all’alimentazione sana ed equilibrata dell’animale.