Smagliature e alterazioni della pelle dopo la gravidanza

Durante e dopo la gravidanza il corpo femminile subisce diversi cambiamenti. Tra questi alcuni riguardano la pelle che, sottoposta agli effetti del massiccio aumento ormonale nel sangue, è soggetta a modificazioni fisiologiche. Tra i più comuni fenomeni ci sono:

melasma o cloasma o maschera gravidica: macchie brune più o meno intense, tipicamente presenti sulla fronte e le guance;

iperpigmentazione;

linea nigra o linea alba: striscia osservabile sull’addome che scende dall’ombelico verso il pube;

striae distensae: meglio note come smagliature;

Le smagliature
La conseguenza più comune data dall’aumento di volume derivato dalla gravidanza è la comparsa di smagliature, che compaiono sul seno, sul ventre e sui fianchi: le zone del corpo maggiormente sotto stress. Il modo migliore per combatterle è prevenirle, tenendo sotto controllo l’aumento di peso e mantenendo idratata la pelle.
Si dovrà quindi cominciare già dall’inizio della gravidanza ad applicare, con un lieve massaggio, creme specifiche al collagene (la componente essenziale della sostanza intercellulare del tessuto connettivo) e all’elastina (una proteina che permette alla pelle di tornare alle sue dimensioni originarie dopo aver subito una dilatazione).
Almeno una volta a settimana va poi usato un prodotto esfoliante, massaggiandolo su tutto il corpo e in particolare sui punti critici.

Ovviamente, la pelle non va nutrita solo dall’esterno ma anche dall’interno con una corretta alimentazione.
è bene bere sempre almeno un litro e mezzo di acqua oligominerale al giorno (la disidratazione cutanea si combatte anche dall’interno) e aumentare il consumo di frutta e verdura (ricche di vitamina A e C) e di oli di origine vegetale (ricchi di vitamina E) che aiutano la pelle a mantenersi morbida ed elastica.

Alterazioni della pigmentazione
Nel 90% delle donne in gravidanza compare un’iper-pigmentazione, dovuta soprattutto all’ormone melanocito-stimolante (MSH), agli estrogeni e ai progesteroni, ormoni che direttamente o indirettamente stimolano la produzione di melanina e di conseguenza la comparsa di macchie scure sulla pelle.
Dopo il parto, tutte le zone del corpo colpite da quest’alterazione schiariscono spontaneamente e progressivamente nel corso dei mesi successivi.
Ma per ridurre o evitare il problema è bene esporsi il meno possibile al sole e proteggere la pelle con una crema solare ad alto fattore protettivo (fattore 30) sia durante che appena dopo la gravidanza. Il sole, infatti, pur non essendo direttamente responsabile della comparsa delle macchie, stimola la produzione della melanina da parte dei melanociti.
Nel caso in cui si formino nonostante gli accorgimenti, al termine della gravidanza ci si può rivolgere ad un dermatologo per trattamenti schiarenti specifici.

Consulenza scientifica della Dott. Michela Colombo, Medico chirurgo, Specialista in Ostetricia e Ginecologia

Fonte:

Smagliature e alterazioni della pelle dopo la gravidanza