Barack Obama papà femminista: gli insegnamenti a Sasha e Malia

Nel suo podcast con Bruce Springsteen Barack Obama parla di "mascolinità tossica": un esempio per le due figlie Sasha e Malia

Che Barack Obama fosse un uomo carismatico e un papà modello era cosa nota. Ma – casomai ce ne fosse bisogno – lo ha confermato ancora una volta con l’ultimo episodio del podcast che lo vede protagonista insieme a Bruce Springsteen, Renegades: Born in the USA.

Nel corso della loro chiacchierata l’ex presidente degli Stati Uniti e il cantante hanno parlato di uomini e di “mascolinità tossica”, concentrandosi in particolare su certi aspetti purtroppo ancora dominanti nella cultura a stelle e strisce.

Parlo con le amiche delle mie figlie di come crescono i ragazzi maschi – racconta papà Barack – e gran parte della cultura pop dice loro che ciò che conta in modo chiaro e determinante per essere un uomo, per essere virile è eccellere nello sport e nelle conquiste sessuali”. A questo concetto Springsteen ha aggiunto quello di violenza come tratto principale della mascolinità americana, ma Obama ha sottolineato che la “violenza almeno quando è salutare, è inclusa nello sport. Più tardi, alla lista si aggiunge il fare soldi. Quanti soldi puoi riuscire a fare?”.

Da cittadino americano che ha avuto l’onore e la grande responsabilità di servire e guidare il suo Paese, Obama ha un punto di vista privilegiato riguardo “l’uomo americano tradizionale” per il quale ritiene che ci siano delle doti degne di emulazione, come “il senso di responsabilità e la disponibilità a fare sacrifici per tua famiglia e le generazioni future”, ma c’è anche un altro lato della medaglia, purtroppo.

“Ci sono un sacco di cose di cui per tanto tempo non abbiamo tenuto conto”, ha spiegato parlando del #MeToo e della parità di genere, ancora ben lontana dall’essere raggiunta. “Non abbiamo mai completamente fatto i conti con chi erano i nostri padri, cosa avevano dentro, come sia importante capirlo e parlarne, quali lezioni dobbiamo imparare. Tutto questo è rimasto sepolto”, ha aggiunto.

È possibile ascoltare l’intero episodio su Spotify, ma già da queste prime parole è evidente come Barack Obama abbia le idee chiare su come non dovrebbe essere un uomo per sentirsi virile. Da papà, perlomeno, sente di non avere problemi e di aver educato bene le proprie figlie (e come potrebbe essere diversamente, considerato anche il modello che hanno come madre, un’immensa Michelle Obama).

In una recente intervista con People, infatti, l’ex presidente ha detto che non potrebbe essere più orgoglioso di Sasha e Malia.

“Non devo dare loro troppi consigli perché hanno già chiaro in mente il senso di cosa sia giusto e cosa sia sbagliato. Sanno il potere della loro voce e sentono il bisogno di partecipare”, aveva confessato parlando anche delle manifestazioni nate in tutti gli Stati Uniti per protestare contro la morte di George Floyd.

“Malia e Sasha hanno trovato il loro modo di essere coinvolte nelle dimostrazioni e nell’attivismo, senza nessuna pressione da parte mia o di Michelle”, ha spiegato.

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Barack Obama papà femminista: gli insegnamenti a Sasha e Malia