Quante ore bisogna dormire a 50 anni

Fabbisogno di sonno a 50 anni: da un recente studio effettuato dalla National Sleep Foundation, le ore di sonno necessarie a rigenerare l'organismo diminuiscono con l'età

Quante ore bisogna dormire a 50 anni? Il sonno è una funzione fisiologica in quanto serve al nostro organismo per riuscire a rigenerare il corpo e la mente e a recuperare le energie spese durante la giornata. Secondo la National Sleep Fondation, un’istituzione americana che si occupa di approfondire i temi legati al sonno, ad ogni fascia di età corrisponde un diverso fabbisogno di sonno. Secondo la ricerca effettuata e pubblicata sull’autorevole rivista Sleep Healt, le famose 8 ore di sonno non sono indicate per tutti. La rivista ha pubblicato una tabella in cui vengono indicate le ore di sonno consigliate in base all’età.

Infatti, se è vero che un neonato dorme fino a 18 ore, per una persona anziana il fabbisogno di sonno corrisponde a circa 6 ore. Secondo l’istituzione americana, tra i 50 ei 60 anni bisognerebbe dormire 6 ore e 20 minuti. In linea di massima comunque, le ore di sonno raccomandate non devono essere minori di 6 e maggiori di 9. Di questo lasso di tempo, circa un’ora e 30 minuti deve corrispondere alla fase REM. Che cos’è la fase REM? Nel corso degli anni, gli esperti hanno studiato le varie le varie fasi del sonno basandosi sul monitoraggio delle onde cerebrali e sull’ elettroencefalogramma che determina l’attività del cervello.

Attraverso questi studi , gli esperti hanno valutato che esistono due grandi fasi principali nel sonno, la fase non REM e la fase REM. Nella fase non REM esistono quattro stadi: lo stadio 1 corrisponde alla fase di addormentamento, lo stadio 2 corrisponde al sonno leggero, lo stadio 3 corrisponde al sonno profondo, e lo stadio 4 corrisponde al sonno profondo effettivo, ovvero quando il nostro organismo comincia a rigenerarsi. La fase REM invece, rapid eye movement, ovvero movimenti oculari veloci, è quella che determina un’elevata attività celebrale e un rilassamento dei muscoli.

Nonostante ancora non si conosca il ruolo specifico delle due fasi, dagli studi effettuati è emerso che entrambe sono fondamentali per rigenerare l’organismo e recuperare le forze. Nonostante ciò, gli esperti continuano a sostenere che il fattore che più influenza in termini di rigenerazione del corpo e della mente non è tanto la quantità di ore di sonno, ma la qualità del riposo. Un’altro elemento rilevante è costituito dall’iperattività di una persona; le persone che sono sempre in movimento, tendono a dormire di meno delle altre.

Quante ore bisogna dormire a 50 anni