Fumare fa male ai capelli: ecco quali danni comporta

Fumare può causare numerosi problemi ai propri capelli, ecco quali sono i pericoli che possono sorgere da questa cattiva abitudine

Fumare incide moltissimo sulla salute del proprio cuoio capelluto. Nonostante ciò, il fumo non è la causa principale della caduta dei capelli, ma ne è comunque responsabile e talvolta può aggravare il problema. Si tratta dunque di un fattore che non va assolutamente sottovalutato, poiché come il proprio corpo assorbe le tossine trasmesse dalla sigaretta, anche le radici dei capelli ne risentono con conseguenti effetti collaterali. Questa cattiva abitudine infatti contribuisce alla riduzione dell’ossigeno nel sangue che raggiunge il bulbo pilifero mediante la papilla dermica.

E’ proprio la microcircolazione dei follicoli piliferi ad essere il primo aspetto fondamentale per la salute dei capelli. Per follicolo pilifero si intende precisamente una struttura del derma che genera le cellule responsabili della formazione del capello. Non per questo, eseguire un buon massaggio al cuoio capelluto favorisce la stimolazione della cute dei capelli ostacolandone la caduta ed assicurandone il nutrimento, poiché viene migliorato l’afflusso vascolare ai follicoli. Il consulto di uno specialista inoltre può aiutare ad identificare eventuali anomalie relative alla salute dei propri capelli al fine di ridurne la caduta.

Fumare dunque aumenta il rischio della perdita dei capelli e a confermarlo è stato anche un gruppo di studiosi di Taiwan che nel 2007 ha pubblicato sulla rivista Archives of Dermatology i risultati di un’analisi condotta su 740 uomini tra 40 e 90 anni. Da qui è emersa la conferma che la caduta dei capelli si manifesta maggiormente nei fumatori rispetto a coloro che non hanno questo vizio. Inoltre, il disagio aumenta in correlazione alla quantità di sigarette che vengono fumate durante l’arco della giornata. La sigaretta dunque, non è solo responsabile di una cattiva microcircolazione del cuoio capelluto, ma può rivelarsi anche artefice di un’infiammazione dei follicoli.

La nicotina, filtrando nel cuoio capelluto, va ad alterare la composizione chimica del sebo causandone la caduta. Inoltre, fumare potrebbe aumentare il rischio di alopecia androgenetica, ovvero un’eccessiva o precoce perdita di capelli, anche se non vi sono ancora conferme scientifiche ben precise relative a tale ipotesi. Uno stile di vita sano, una corretta alimentazione ed una riduzione delle sigarette può apportare notevoli benefici per la salute dei capelli, rivelandosi dunque i migliori metodi per prevenire eventuali danni.

Fumare fa male ai capelli: ecco quali danni comporta