Acque alcaline ionizzate nella dieta: i consigli della nutrizionista

Le acque alcaline ionizzate hanno effetti detox e anti-età, rafforzano le ossa e il cervello. Parla la Dott.ssa Elena Paglia, partner scientifico di HydrAqua

Le acque alcaline ionizzate sono nutrimento liquido per tutto l’organismo. A distinguere queste acque, note anche come acque funzionali, è soprattutto il loro pH, l’indicatore che misura l’acidità, la neutralità e l’alcalinità di un liquido organico, che è alcalino (superiore a 7) e in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi.

E ancora: grazie alla loro azione depurativa, le acque alcaline ionizzate facilitano l’eliminazione delle scorie acide, derivanti da un’alimentazione iperproteica e povera di frutta e verdura e da uno stile di vita sedentario. Dunque, garantiscono una capacità di idratazione superiore, fondamentale per contrastare l’acidosi metabolica dovuta ad un eccesso di acidi nell’organismo.

Molecole ionizzate per un pH anti-aging

Grazie ad uno ionizzatore, le molecole d’acqua vengono sottoposte ad un processo di elettrolisi, che ne riorganizza le sostanze contenute al suo interno in base alla loro carica elettrica. L’acqua viene così “separata” in questo modo: l’elettrodo negativo dello ionizzatore attira gli ioni positivi (minerali alcalini), mentre l’elettrodo positivo, gli ioni negativi (radicali acidi). Questo processo conferisce all’acqua il pH alcalino superiore a 9 senza additivi aggiunti.

In una Top 5 i benefici delle acque alcaline ionizzate

La dottoressa Elena Paglia, nutrizionista e partner scientifico di HydrAqua, la prima acqua alcalina ionizzata plastic free, con pack in alluminio 100% riciclabile all’infinito, prossima al debutto sul mercato italiano, ci spiega quali sono i vantaggi di queste acque su corpo e cervello.

“Per favorire il mantenimento del pH ideale e, di conseguenza, il benessere psico-fisico, è importante assumere un’acqua funzionale di altissima qualità, come l’acqua alcalina ionizzata, il naturale alleato per contrastare l’acidosi metabolica e riequilibrare l’organismo”, specifica l’esperta. In 5 punti i principali vantaggi delle acque alcaline ionizzate:

1. Acidosi metabolica sotto controllo
Grazie alla sua struttura micro-molecolare, l’acqua alcalina ionizzata ha una capacità di idratazione molto elevata che contrasta in modo efficace l’acidosi metabolica dovuta ad un eccesso di acidi nell’organismo. Fra le concause una dieta iperproteica, esercizio fisico intenso e invecchiamento.

2. Azione anti age
Grazie al loro pH fortemente alcalino (o basico), le acque ionizzate sono ricche di antiossidanti e minerali, che ripristinano il naturale equilibrio acido-basico del corpo, contrastando i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento, le patologie degenerative e le carenze nutrizionali.

3. Micro molecole per un super cervello
I cluster super fini che caratterizzano la trama molecolare delle acque alcaline ionizzate racchiudono i veri “agenti speciali” dell’idratazione profonda, che favorisce il perfetto funzionamento dei principali organi vitali e del cervello, migliorando la concentrazione mentale e le performance fisiche e intellettuali quotidiane.

4. Sistema immunitario al Top
Assumere acque alcaline ionizzate favorisce l’eliminazione dei prodotti di scarto e dei batteri contenuti nei linfonodi, rinforzando il sistema immunitario.

5. Ossa più forti
La miglior basificazione riduce l’osteoporosi grazie al miglioramento della densità minerale ossea

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Acque alcaline ionizzate nella dieta: i consigli della nutrizioni...