Come non spellarsi dopo una scottatura: rimedi efficaci

Troppe ore sotto il sole? Ecco come non spellarsi dopo una bruciatura e fermare la spellatura con rimedi efficaci e pratici

Come non spellarsi dopo una scottatura è una domanda che tutti, almeno una volta, ci siamo posti. Sarà capitato a tutti infatti di non pensare di bruciarsi al sole o scordarsi di mettere la crema solare in qualche punto ed ecco che la pelle diventa rosso vivo, è dolorante, a volte presenta bolle d’acqua e poi inizia a spellarsi, lasciando posto a macchie più chiare. Sempre meglio proteggersi adeguatamente ed evitare le scottature solari, ma se il danno è fatto è importante capire come non spellarsi dopo il sole ma anche come fermare la spellatura e smettere di spellare.

Una premessa doverosa: per evitare di spellarsi è importante proteggere la pelle adeguatamente

Sembra un’ovvietà ma sempre meglio ripeterlo: per ottenere un’abbronzatura omogenea, prolungare e far durare l’abbronzatura a lungo ma soprattutto per evitare malattie della pelle, scottature e non spellarsi dopo una bruciatura è essenziale proteggere sempre la pelle adeguatamente. Per farlo bastano pochi accorgimenti, come scegliere la giusta crema solare corpo e viso in base al proprio fototipo. Non ci sono scuse, ormai esistono protezioni solari adatte ad ogni tipo di pelle ma soprattutto con texture di ogni genere, dagli spray invisibili alle creme ricche per pelle secca ma anche trattamenti antiage o antiacne con protezione solare.

pelle spellata sole bruciatura solare

L’applicazione deve essere abbondante, non è vero che ci si abbronza di meno, semplicemente ci si abbronza in maniera sana e corretta per evitare di spellarsi, sia per una bruciatura che per una pelle sofferente, secca e disidratata. Inoltre bisogna ricordarsi di applicarla nuovamente dopo ogni bagno, se si suda molto o comunque ogni 2 o 3 ore affinché la sua efficacia non sia compromessa. Utilizzando una protezione solare serve quindi anche per non spellarsi, perché è più difficile scottarsi o al tempo stesso disidratare la pelle.

donna abbronzata bikini costume smalto azzurro

Se pensi di esserti scottato, basta sole

Se noti che già sotto il sole la pelle sembra essersi arrossata o se è dolorante e tira, potresti esserti scottato. In questo caso meglio correre subito ai ripari e mettersi all’ombra, per evitare che i raggi del sole peggiorino la situazione, anche se si è protetti dalla crema solare. Riapplicate la crema solare anche sotto l’ombrellone, perché i raggi passano comunque dal tessuto e perché così contribuirete a idratare la pelle pur rimanendo sempre in spiaggia. Coprite poi la zona interessata con indumenti chiari e larghi, una camicia di lino o una maglietta a maniche corte in cotone, possibilmente bianca, evitando tessuti sintetici.

ragazza mora abbronzata capelli lunghi mossi

Raffreddare la pelle per trovare sollievo immediato da una bruciatura

Un altro rimedio efficace per cercare di non spellarsi dopo una scottatura o limitare i danni è quello di raffreddare la pelle per trovare sollievo immediato della zona accaldata e contenere la scottatura. Potete farlo in spiaggia con una bottiglia d’acqua fresca ma, appena rientrati a casa, una bella doccia è l’ideale per rinfrescare in generale tutto il viso e corpo. Ricordiamoci che, per arrivare ad una scottatura e addirittura spellarsi, vuol dire che l’esposizione al sole è stata molto prolungata e quindi tutto il corpo ha bisogno di refrigerio.

ragazza applica crema corpo gambe

Parola d’ordine: idratare, idratare e idratare e non sfregare la pelle

Una volta usciti dalla doccia attenzione a non sfregare la pelle con l’asciugamano ma tamponatela delicatamente. Il fatto che si formino pellicine e spellatura è naturale ma non bisogna forzare la loro comparsa o cercare di toglierle prematuramente. Meglio utilizzare un asciugamano e un accappatoio in microfibra, più delicata, e tamponare per asciugarsi.

Anche la crema idratante svolge un ruolo fondamentale perché reidrata la pelle secca e disidratata dall’esposizione prolungata ai raggi del sole. L’ideale è scegliere prodotti lenitivi ricchi di oli e sostanze calmanti, prima fra tutte l’aloe vera ma anche calendula, tea tree e olio di mandorle dolci. Importante è poi applicarla frequentemente, per mantenere sempre la zona morbida e prevenire così la comparsa della pelle spellata o fermare la spellatura.

canottiera bianca donna scrub corpo

Come togliere la spellatura dal viso e dal corpo: pazienza e scrub

Se la pelle però ha cominciato a spellarsi, l’unico modo per togliere la spellatura correttamente è eseguire scrub delicati per accelerare il processo di ricambio cellulare. È importante però non eseguire scrub nel momento di infiammazione, ma aspettare che la pelle non sia più rossa e dolorante, all’incirca dopo due tre giorni dalla scottatura. Potete utilizzare scrub già pronti o realizzarli in casa, l’importante è utilizzare ingredienti freschi e soprattutto una componente esfoliante davvero delicata. Scegliete la farina di cocco o di mandorle ma ancora meglio di avena che, a contatto con l’acqua, sprigiona un latte idratante lenitivo benefico per la pelle arrossata e scottata.

pelle spellata bruciatura sole

Cose da non fare: tirare via le pellicine dalla pelle e bucare le bolle d’acqua

Ci sono però errori da non fare per non spellarsi dopo una scottatura, primo fra tutti quello di tirare le pellicine per cercare di toglierle. Sì, potrà essere divertente, ma la pelle deve esfoliarsi da sola proprio perché non tutte le zone si spellano alla stessa maniera. Inoltre, così facendo, il rischio è quello di ritrovarsi con la pelle a macchie, con chiazze più chiare e scure dove ancora la pelle non ha fatto il ricambio cellulare. Nel caso in cui, invece, siano presenti bolle d’acqua, non dovete assolutamente cercare di rimuoverle, scoppiarle o aprirle. La pelle infatti produce queste bolle per far sì che nelle zone più bruciate la pelle si risarcisca in un ambiente protetto e romperle potrebbe portare a croste e infezioni.

pelle scottata bruciatura sole

Nei giorni successivi, evita l’esposizione al sole e proteggi la pelle ancora di più

Un altro errore da non fare è quello, dopo una bruciatura, di continuare a esporsi o mettersi al sole nei giorni successivi. Nonostante la protezione infatti la pelle è ormai bruciata e irritata e prendere altro sole contribuirebbe solo a peggiorare la situazione. Se ormai il danno è fatto, ci voglio pazienza, riposo, ombra e tenere le zone scottate coperte.

schiena donna abbronzata costume da bagno colorato

No a indumenti troppo stretti che comprimono e segnano la pelle

Per proteggere le zone bruciate e non spellare ulteriormente la pelle è importante anche l’abbigliamento. Nei giorni successivi meglio evitare jeans e leggins stretti, intimo troppo contenitivo o reggiseni che stringono sulla schiena, sul petto o sulle spalle, nel caso in cui quelle siano le zone bruciate. Meglio quindi optare per gonne, pantaloni e maglie larghe, possibilmente in colori chiari per il giorno e in tessuti come cotone o lino, più freschi e traspiranti.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come non spellarsi dopo una scottatura: rimedi efficaci