Pasta, riso e cereali: i carboidrati in gravidanza

Il consumo di carboidrati in gravidanza è fondamentale per fare scorta di energia, ma bisogna scegliere quelli giusti

Per essere varia ed equilibrata, l’alimentazione in gravidanza deve includere pasta, pane, riso, cereali e patate, assicurando il giusto apporto di carboidrati, che una volta assunti si convertono in zuccheri, diventando la principale fonte di energia per l’organismo.
Tuttavia, mangiare solo carboidrati fa aumentare il picco glicemico, per cui è molto importante abbinarli alle proteine, sin dalla colazione, integrandola con semi oleosi o uova.

I carboidrati in gravidanza

Per una dieta ricca e bilanciata, si possono alternare pane, riso e pasta, con le diverse varietà di cereali, tra cui farro, riso, grano saraceno, miglio, avena e quinoa, preferendo quelli integrali ai prodotti raffinati. Pasta, pane e cereali integrali sono più ricchi di fibre, particolarmente importanti soprattutto negli ultimi mesi di gravidanza, quando è più facile soffrire di stipsi. Il processo di raffinazione, utilizzato per ottenere la farina bianca o il riso lucidato, comporta, invece, la rimozione di gran parte delle vitamine del gruppo B ed E e di alcuni acidi essenziali, molto importanti quando si aspetta un bambino. Anche il latte, è un alimento ricco di carboidrati, oltre che di proteine, per cui è consigliato aggiungere altri elementi proteici, come ad esempio le mandorle.

Carboidrati buoni e carboidrati cattivi

Per alimentarsi in modo adeguato, senza paura di prendere troppo peso, bisogna distinguere tra carboidrati “buoni” e quelli “cattivi”. I primi sono i carboidrati complessi, che rispetto a quelli semplici, hanno un indice glicemico più basso. Ne sono un’ottima fonte alimenti come riso e pane integrale, legumi e alcuni tipi di frutta come mele, pere e pesche. Tra i carboidrati semplici troviamo, invece, tutti i prodotti da forno preparati con farine bianche, pane, pasta e riso non integrali, i dolci e diversi tipi di frutta. Alcuni studiosi sostengono che mangiare carboidrati con un basso indice glicemico assicura un benessere maggiore all’organismo e una minore predisposizione all’accumulo di peso durante la gravidanza.
Per evitare di prendere troppo peso, infine, l’ideale è non accompagnare i carboidrati a salse o sughi particolarmente grassi e calorici, preferendo condimenti a base di verdura o i legumi.

Pasta, riso e cereali: i carboidrati in gravidanza