Ottavia Piccolo, attrice: biografia e curiosità

Ottavia Piccolo è una nota attrice italiana, nonché una famosa doppiatrice; ecco alcuni importanti approfondimenti relativi alla vita e alla carriera

Ottavia Piccolo è nata il 9 ottobre 1949 a Bolzano. Questo personaggio ha riscosso un enorme successo nel mondo del cinema. Già durante l’infanzia, Ottavia scopre la sua grande passione per il mondo dello spettacolo ed inizia ad apparire per le prime volte sui palcoscenici. A soli 10 anni interpreta “Helen”, ovvero la protagonista di “Anna dei miracoli” del regista Luigi Squarzina. Ottavia Piccolo non demorde e continua a dedicarsi all’arte, fino a comparire in televisione per “Le notti bianche”, tratto dal romanzo di Dostoevskij. In questo periodo della sua vita, Ottavia inizia a riscuotere un enorme successo. Il suo esordio nel mondo del cinema italiano avviene quando interpreta il ruolo di una delle figlie nel “Principe di Salina” nella pellicola “Il Gattopardo” di Luchino Visconti, nell’anno 1963. Nell’anno seguente incontra Giorgio Strehler, ma tra gli altri suoi maestri si trovano anche Luca Ronconi e Mauro Bolognini. Inoltre, Ottavia Piccolo ha ottenuto una grande popolarità con la pellicola “Il Metello”. Grazie a quest’ultima, infatti, ha vinto il “Prix d’interprétation féminine” al Festival di Cannes nel 1970. Non solo, tra le sue importanti nomination si trovano anche il “Nastro d’Argento alla migliore attrice protagonista” e un “Globo d’oro alla miglior attrice rivelazione”. Tutto questo successo ottenuto da Ottavia Piccolo non è passato inosservato al cinema francese, il quale ha voluto “adottare” l’attrice.

Nell’anno 1968 recita come protagonista femminile in “Serafino” insieme ad Adriano Celentano, mentre nell’anno seguente interpreta una parte secondaria in “Una su 13” di Vittorio Gassman e Vittorio De Sica. Ottavia Piccolo ha riscosso un grande successo anche in ambito musicale. Infatti, nel 1970 debutta con il suo album al fianco di Rodolfo Baldini. A quanto pare i due erano fortemente legati, in seguito alla relazione di Ottavia Piccolo con Massimo Ranieri. L’attrice dedica gli anni seguenti al mondo del teatro di Pirandello e Shakespeare, ma nello stesso periodo viene particolarmente apprezzata dal pubblico in seguito alla partecipazione ad alcune pellicole televisive ispirate alla letteratura mondiale. Tra queste si trovano “La coscienza di Zeno”, “Il Mulino del Po”, e “La Certosa di Palma”. Dopodiché l’attrice torna a dedicarsi al cinema con i film “La famiglia”, il quale ha vinto il premio del “Nastro d’argento” e con “Da grande”, insieme a Renato Pozzetto. Gli anni ’90 invece hanno segnato un periodo piuttosto importante per Ottavia Piccolo per quanto riguarda il mondo televisivo. L’attrice, infatti, torna ad apparire in alcuni programmi e serie tv italiane. Precisamente ottiene una grande popolarità con “Chiara e gli altri”, ovvero una serie televisiva. Ma il suo successo in ambito televisivo è stato particolarmente apprezzato anche in Francia.

Allo stesso tempo, Ottavia Piccolo non abbandona le sue passioni e continua a dedicarsi anche al mondo del teatro. Interpreta “Frosina” ne “L’avaro” insieme a Paolo Villaggio. Nell’anno 1999 avviene un’ulteriore svolta nella carriera di Ottavia Piccolo. Precisamente, l’attrice vince il “Premio Adelaide Ristori”, aggiudicandosi la prima edizione. Nel 2004 recita in “Tu la conosci Claudia?” insieme a Aldo, Giovanni e Giacomo. Successivamente, nell’anno 2014, l’attrice è diventata docente dell’Università Ca’ Foscari a Venezia. Di recente, ha anche ricoperto il ruolo di doppiatrice per i film “Carrie Fisher” e “Star Wars“, dove interpreta il ruolo di “Leila Organa”. Nell’anno 1974 ha incontrato il giornalista Claudio Rossoni con il quale si è sposata. Dal loro matrimonio è nato il loro bambino, di nome Nicola. Inoltre, in ambito televisivo Ottavia Piccolo ha anche condotto alcune trasmissioni. In particolare, l’anno 1980 la vede come conduttrice del programma “Visto da…” di Enzo Marchetti su Rai 3. Negli anni seguenti è stata presentatrice del programma su Radio 1 “Musica, musica, musica parole di…” al fianco di Cristiano Minellono. Inoltre, nel 1996 ha condotto “La notte delle bugie” al fianco di Massimo Wertmüller per il “Giffoni Film Festival”. Il suo 45 giri intitolato “Due ali bianche/Per noi” è stato pubblicato nell’anno 1970.

La notorietà ottenuta da questa grande artista è davvero esemplare, in quanto ha saputo sempre ricoprire vari ruoli con una semplicità unica. Ottavia Piccolo viene considerata, infatti, il simbolo della classe e dell’eccletticismo, nonché uno dei personaggi più raffinati ed eleganti del mondo teatrale. Ottavia Piccolo è una delle attrici più apprezzate a livello nazionale. Spinta dalla sua grande passione per il cinema ed il teatro, alla sola età di 11 anni, ha iniziato a comparire in alcune scene grazie a Luigi Squarzina. Fu proprio il ruolo di “Helen”, ovvero una ragazzina sordomuta e cieca nel film “Anna dei Miracoli” a lanciare la piccola Ottavia sui grandi schermi. Già da giovane, venne considerata una vera e propria bambina prodigio. Tuttavia, questo fu solo l’inizio della sua importante carriera di attrice. Le esperienze in ambito teatrale le hanno permesso di mettere in gioco la sua formazione artistica attraverso le varie comparse televisive. Inoltre, le varie competenze in ambito teatrale hanno reso Ottavia Piccolo, uno dei personaggi più apprezzati dal pubblico italiano. Tuttavia, il cinema è sempre stato la sua passione principale. Infatti, nonostante il teatro e le numerose comparse televisive, Ottavia non ha mai spesso di inseguire i suoi obiettivi ed i suoi interessi. La naturalezza, la spontaneità e la dote artistica di questo personaggio, l’hanno resa una delle attrici più celebri ed importanti del panorama cinematografico italiano.

Ottavia Piccolo, attrice: biografia e curiosità